• Articolo , 31 maggio 2007
  • Biofuels su vasta scala dal Mozambico

  • La Jatropha in prima linea per la produzione di biofuel. Le piantagioni resistenti alla siccità e non commestibili promettono incassi record

La Jatropha sarà prodotta su larga scala in Mozambico, grazie alla ESV Bio-Africa, la nuova società che si sta occupando intensamente dello sviluppo di nuove piantagioni di Jatropha atte a produrre biofuels. La Inveragro SARL ha venduto alla ESV, per $1 milione di dollari, 11.000 ettari di terreno già pronto per la coltivazione. Della terra disponibile fino ad oggi ne è stata utilizzata solo 700 ettari, piantati con i preziosi alberi di Jatropha. La produzione di Jatropha non è commestibile e può essere coltivata nelle zone marginali delle terre finalizzate a scopi agricoli, inoltre risulta una pianta molto resistente alla siccità ed è per questo spesso impiegata nei progetti che contrastano la desertificazione o anche l’erosione. Alla fine del 2007 è previsto il primo raccolto proveniente da queste nuove piantagioni, mentre bisognerà aver pazienza fino agli inizi del 2008 per vedere la trasformazione del prodotto in combustibile (biofuels). (fonte renewable-energy-world.com)