• Articolo , 30 settembre 2009
  • Biomassa, cresce l’ambizione britannica

  • Le autorizzazioni sono state concesse. Nel Galles sorgerà il più grande impianto a biomassa dell’UK, capace di servire 500mila famiglie nel totele rispetto dell’ambiente e della salute

(Rinnovabili.it) – Il Regno Unito ha dato il via alla costruzione della centrale elettrica a biomassa più grande del Paese, che utilizzerà trucioli del legno per produrre energia.
L’Agenzia europea dell’Ambiente ha dichiarato che il nuovo impianto Prenergy sorgerà a Port Talbot, nel sud del Galles, e garantirà il fabbisogno energetico di 500mila famiglie e bassi livelli di emissioni dannose al fine di proteggere la salute umana.
Tony Grayling, capo dell’Agenzia per l’Ambiente, ha dichiarato: “gli impianti a biomassa come quello di Port Talbot, avranno un ruolo importante nella lotta al cambiamento climatico qualora i trucioli utilizzati abbiano una origine sostenibile” e questo dovrà essere dimostrato come evidenziato da una nuova clausola per l’assegnazione delle autorizzazioni necessarie.
“Se lo standard di sostenibilità sarà soddisfatto, – ha riferito Tony Grayling – questa nuova stazione sarà un grande passo avanti da parte del governo in materia di cambiamenti climatici e per il raggiungimento degli obiettivi di energia rinnovabile. In futuro vorremmo vedere tutti gli sviluppatori di biomassa soddisfare gli alti standard che sono stati fissati dal Prenergy”.
Prima di concedere le autorizzazioni sono state valutate importanti clausole che garantiranno, oltre alle basse e missioni e alla provenienza sostenibile del materiale in questione, che il parere dei cittadini venga ascoltato garantendo la completa tutela di luoghi e persone e considerando la qualità dell’aria insieme all’impatto sulla salute.