• Articolo , 10 marzo 2011
  • Biomattoni in legno e canapa: ecologici e mangia-CO2

  • In occasione di “Fà la cosa giusta” verrà presentato il biomattone in legno e canapa. Ideale per realizzare edifici a basso impatto ambientale riesce a catturare e stoccare anidride carbonica sia in fare di realizzazione che di utilizzo

(Rinnovabili.it) – Dopo la “calce a base di canapa”:http://www.rinnovabili.it/il-cemento-in-canapa-e-calce-403015 il mercato della bioedilizia sta per dare il benvenuto ad un’altra novità ideata e realizzata dalla “Equilibrium”:http://www.equilibrium-bioedilizia.com/, azienda lecchese di settore. Si tratta di un *Biomattone in legno e canapa* che permetterà di realizzare edifici a basso impatto ambientale con al contempo la caratteristica di assorbitori e sequestratori di CO2 sia in fase di realizzazione del mattone stesso che di utilizzo.
La novità verrà presentata in occasione di “Fa la cosa giusta”, la fiera internazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili che si svolgerà a Milano dal 25 al 27 marzo.
“Abbiamo individuato nel biocomposito di canapa e calce una soluzione innovativa per il settore della bioedilizia” spiega Paolo Ronchetti, General Manager di Equilibrium.
“Il Biomattone si ottiene combinando la parte legnosa dello stelo di canapa ed un legante a base di calce. Una volta indurito, il biocomposito diventa rigido e leggero con ampie possibilità di applicazione. Tra i vantaggi nell’utilizzo di questo tipo materiale, ci sono l’isolamento termo-acustico, la salubrità degli ambienti, la permeabilità al vapore, il confort abitativo, il ridottissimo impatto ambientale, ma soprattutto la capacità di contrastare i cambiamenti climatici sequestrando biossido di carbonio – ossia la CO2 – dall’atmosfera. Questo perchè la canapa è la pianta che produce più biomassa al mondo, crescendo in soli quattro mesi fino a quattro metri di altezza e assorbendo biossido di carbonio durante il suo ciclo vitale”.