• Articolo , 29 luglio 2009
  • Bmw lascia la strada della F1 per quella della mobilità sostenibile

  • Stop alla partecipazione a competizioni di Formula Uno e via al “new deal” ecologista, come lo stesso presidente della casa bavarese ha tenuto a precisare, un nuovo ambito in cui la casa automobilistica tedesca intende impegnarsi

(Rinnovabili.it) – La voce era nell’aria da tempo. Soprattutto corroborata dai risultati ottenuti in questo campionato che, magari non doveva essere necessariamente quello del titolo iridato, ma almeno quello in cui i bolidi della casa bavarese avrebbero dovuto essere tra i primi. E invece un inizio e un prosieguo deludente hanno lasciato l’amaro in bocca, non solo ai tifosi, ma soprattutto alla dirigenza della Bmw che alla fine, per voce del presidente Norbert Reithofer, ha deciso e annunciato il ritiro. Ma qui sta la novità che interessa un quotidiano come Rinnovabili.it.
Infatti Reithofer ha spiegato come nella decisione abbiano pesato anche motivazioni ecologiste.
“Questo – ha precisato il presidente – è il logico passo compiuto sullo sfondo del riposizionamento strategico della nostra impresa. Ad essere premiante sarà sempre più anche una durevole sostenibilità ambientale sul lungo periodo. In ciò vogliamo avere un ruolo di modello”.
Insomma dicono alla Bmw che dovranno d’ora in poi dedicarsi a nuove tecnologie che vadano nella direzione della sostenibilità.
E non si tratta di chiacchiere di corridoio. Infatti una decisione in tal senso è stata adottata ieri in una riunione cui erano presenti al gran completo i vertici dirigenziali del gruppo.
“Per noi è stata una scelta difficile – spiega Norbert Reithofer – ma si tratta di un passaggio risoluto in vista della nostra strategia di riallineamento”.