• Articolo , 21 aprile 2010
  • Brasile, la centrale idroelettrica di Belo Monte si farà

  • Investire nell’idroelettrico per consentire al paese di svilupparsi. Con quest’obiettivo il governo brasiliano ha affidato alla Nord Energia la costruzione della centrale di Belo Monte

(Rinnovabili.it) – Il consorzio brasiliano Nord Energia ha vinto la licenza per la costruzione della centrale elettrica di Belo Monte. Dopo che il governo ha dovuto affrontare non poche difficoltà a causa dell’intervento di numerosi ambientalisti, che fino ad oggi ne hanno bloccato la realizzazione con azioni legali a difesa dell’impatto sugli ecosistemi della zona, il momento dell’idroelettrico sembra essere arrivato.
La Nord Energia ha vinto per aver presentato la migliore offerta: poco più di 40 dollari per MW/h importo inferiore alla soglia minima stabilita dal Ministero dell’Energia fissata a 45 dollari.
Terza al mondo per vastità, la centrale di Belo Monte andrà inevitabilmente ad impattare con le biodiversità presenti lungo il corso del fiume Xingu dove vivono 19 popolazioni indigene oltre a gruppi di coltivatori. Quindi il governo, a seguito delle costanti polemiche, ha dichiarato che gli studi effettuati faranno in modo che si arrechi il minor danno possibile a persone ed ecosistemi assicurando che anche la società costruttrice e in seguito la società elettrica terranno in massima considerazione gli aspetti relativi alla sostenibilità e alla tutela ambientale.
Operativa dal 2015 l’infrastruttura risulta assolutamente necessaria allo sviluppo del Brasile andando al colmare, una volta operativa, gran parte del deficit energetico che mette costantemente in allerta il paese e ne limita lo sviluppo. Grazie ad un investimento di ben 11 miliardi di dollari l’impianto dovrebbe raggiungere una produzione oraria di circa 4570 MW.