• Articolo , 24 settembre 2009
  • Bruxelles da l’ok alla normativa sui vapori di benzina

  • Gli adattamenti dichiarati nella normativa per le stazioni di rifornimento dovranno effettuarsi entro il 2018

(Rinnovabili.it) – Presentata nel dicembre 2008 e successivamente approvata con votazione nel maggio scorso, la “proposta”:http://www.rinnovabili.it/textpattern/index.php?event=article&step=edit&ID=7528 da parte della Comunità Europea di imporre presso tutte le stazioni di benzina l’introduzione di rilevatori di emissioni prodotte dalle autovetture e dai veicoli da trasporto sembra essere definitiva.
La Normativa è stata ratificata oggi in via definitiva dal Consiglio UE e prevede che le pompe di benzina, sia quelle esistenti che quelle nuove, siano attrezzate di sistemi per l’assorbimento dei vapori, pari all’85% del totale.
Si potrà così limitare la presenza di quei composti organici volatili, classificati come tossici e cancerogeni che contribuiscono alla formazione dell’ozono troposferico e dello smog fotochimico.
L’adattamento sarà obbligatorio per tutte gli stati dell’Unione Europea e dovrà essere introdotto nella normativa nazionale entro il primo gennaio 2012.
Sono interessate tutte le stazioni di rifornimento, piccole e grandi. Le prime potranno inserire gli impianti al momento di rinnovo della propria struttura, mentre le seconde, specie quelle che contribuiscono maggiormente alla fuoriuscita di gas nocivo, con una quota di emissioni che supera i 3000 metri cubi l’anno, dovranno attivarsi per rendere a norma le loro isole di rifornimento entro il 2018.