• Articolo , 24 settembre 2010
  • California: tra 10 anni il 33% dell’energia venduta sarà verde

  • Il California Air Resources Board ha approvato il nuovo standard “green” da imporre alle utility dello stato nella produzione energetica

(Rinnovabili.it) – La fame californiana di eco-energie è insaziabile. La politica del Governatore Schwarzenegger ha saputo rendere lo stato americano uno dei più ambiziosi in termini di produzione da fonti rinnovabili e di efficienza energetica, senza dare il minimo segno di voler arrestare la corsa alla leadership verde.
Punta in alto il “Golden State” mettendo tra i suoi obiettivi al 2020 quello del 33% di energia rinnovabile venduta ai consumatori finali.
A dire il vero si tratta di un’ambizione già annunciata all’inizio dell’anno nel “Renewable Portfolio Standard” statale, ma che si concretizza solo ora con l’approvazione da parte dell’autorità di regolamentazione regionali di una norma più stringente in fatto di produzione energetica. Il California Air Resources Board ha infatti votato ieri a Sacramento per richiedere alla Pacific Gas & Electric, alla Southern California Edison e alla San Diego Gas & Electric di compiere quello sforzo necessario per avvicinarsi al nuovo standard, unico nel suo genere in tutti gli USA. La legge richiederebbe alle aziende dello Stato regole più ambiziose in maniera tale da ottenere un terzo della loro energia dal solare, dall’eolico e da altre fonti rinnovabili.
La mossa si va a sommare a quella lunga lista di iniziative pro-sostenibilità, ultima delle quali il lancio del Piano “Zero Net Energy” (ZNE) da parte della California Public Utilities Commission (CPUC), congiuntamente con organizzazioni imprenditoriali per aiutare i proprietari degli edifici commerciali a portare i consumi d’energia il più vicino possibile allo zero.