• Articolo , 19 dicembre 2008
  • Candle Night: per Natale un piccolo regalo all’Ambiente

  • “Una protesta divenuta movimento per la serenità”: così si autodefinisce l’inizia di blackout volontario che il 21 dicembre invita il mondo a ‘staccare la spina’

Due ore a lume di candela per ritagliarsi uno spazio nello stress pre-natalizio all’insegna del risparmio energetico. Si tratta di “Candle Night”, l’iniziativa di blackout volontario lanciata nel 2001in Canada come protesta all’allora proposta da parte dell’amministrazione Bush di iper sviluppo nucleare. Il movimento, che si tiene due volte all’anno (il 21 giugno, solstizio d’estate, e il 21 dicembre, solstizio d’inverno) ha saputo nel tempo fare proseliti raggiungendo lo scorso giugno nel solo Giappone oltre 73 mila partecipazioni di aziende ed un conseguente risparmio complessivo di quasi un milione e 151 mila kWh di elettricità. “Candle Night” torna domenica a pochi dal Natale per invitare a “staccare la spina” dalle 20 alle 22, due ore per “aprire una finestra sul nuovo mondo”. L’iniziativa, riporta un comunicato Epson partner italiano del movimento, ha come obiettivo di “elevare la soglia di consapevolezza delle persone verso il riscaldamento globale e il risparmio energetico”. “Durante queste due ore leggete – si legge nell’appello internazionale – qualche libro illustrato ai bambini sotto la luce della candela; oppure cenate con le persone che amate serenamente, pensando al risparmio di energia, alla pace nel mondo, alle persone che vivono in altri paesi”.