• Articolo , 13 settembre 2010
  • Cantoni svizzeri: incentivano le rinnovabili e riducono la CO2

  • Da uno studio dell’efficacia dei programmi d’incentivazione dei Cantoni nel 2009, ottimi i risultati della Confederazione svizzera nel risparmio energetico e nella riduzione delle emissioni di CO2.

(Rinnovabli.it) – Grazie al “programmi d’incentivazione dei Cantoni nel 2009” la Svizzera ha ottenuto un incremento dell’efficienza nell’uso dell’energia e del calore residuo, che si traduce in un trend positivo per il raggiungimento degli obiettivi della Confederazione svizzera nell’ambito del settore energetico e nelle emissioni di CO2. Nello specifico, nel corso del 2009 24 cantoni hanno avuto a disposizione contributi per un totale di 307 milioni di franchi, a favore di progetti energetici, grazie ai quali è stato possibile il raggiungimento di sensazionali risultati. Dallo studio “Wirkungsanalyse kantonaler Förderprogramme” (analisi dell’efficacia dei programmi di incentivazione cantonali) è emerso che, a seguito delle misure adottate, si è verificato un aumento dell’efficienza energetica pari a 9.100 milioni di kWh; una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 108.000 tonnellate, per un totale di 2,5 milioni di tonnellate, se sommate alle 69.000 del 2008; grazie al piano d’incentivazione circa 445 milioni di franchi sono stati investiti nel settore energetico.
In particolare buona parte dei finanziamenti sono stati utilizzati per il miglioramento degli involucri degli edifici e per incentivare l’impiego di impianti di riscaldamento a legna automatici, collettori solari e impianti fotovoltaici. Dal 2010 i contributi a favore dei Cantoni proverranno in parte dalla tassa sulla CO2, per un ammontare di 67 milioni di franchi, gli stessi Cantoni investiranno circa 98 milioni a favore dei propri programmi, per una somma complessiva finale di circa 165 milioni da investire nelle energie rinnovabili. Ulteriori 133 milioni di franchi verranno messi a disposizione del Programma Edifici da parte della Confederazione.