• Articolo , 16 maggio 2008
  • Carenza di silicio policristallino? Destinata a finire

  • La Frost & Sullivan, società globale di consulenza per lo sviluppo economico di impresa, si mostra fiduciosa riguardo al componente chiave della maggior parte dei moduli presenti sul mercato

Materiale usato principalmente nell’industria dei superconduttori il silicio policristallino ha avuto un’impennata nelle richieste da parte dell’industria del fotovoltaico, andando tuttavia a scontrarsi con una situazione di grave carenza di questo materiale. Conseguenza principale: un vertiginoso aumento dei prezzi che ha condizionato pesantemente il mercato di settore. Tuttavia secondo le stime di Frost & Sullivan la situazione sarebbe destinata ad invertirsi molto presto, permettendo all’offerta di polisilicio di allinearsi alla domanda. Secondo quanto riportato dalla società di consulenza il mercato globale del fotovoltaico, che nel 2005 aveva fatturato 6,49 miliardi di dollari nel 2005, dovrebbe raggiungere i 16 miliardi nel 2012. “Ci aspettiamo che l’offerta di polysilicon riesca a raggiungere il livello della domanda già nel 2008 – dice Alina Bakhareva, programme manager a Frost & Sullivan, esperta in energie rinnovabili – La maggior parte della nuova offerta sarà immessa sui mercati dai quattro maggiori produttori, i quali stanno espandendo le capacità produttive esistenti”. “Poiché queste società sono già ben posizionate in seno all’industria e hanno accumulato molti anni di esperienza – prosegue Alina Bakhareva – non è difficile immaginare che comincino a produrre secondo i tempi e i piani previsti, considerati anche i tempi brevi di crescita della produzione nei nuovi impianti”.