• Articolo , 27 aprile 2009
  • Carlo d’Inghilterra in Italia: agire subito contro il cambiamento climatico

  • Un discorso senza mezzi termini, tutto in difesa alle politiche contro il cambiamento climatico, a favore delle fonti rinnovabili e della necessità di un accordo internazionale

(Rinnovabili.it) – “Non é esagerato affermare che ci troviamo in un momento significativo della storia: entro la fine di quest’anno la famiglia delle nazioni del mondo dovrà concertare un modo per arrestare, o piuttosto invertire, la crescita delle emissioni di CO2”. Così si è espresso il principe Carlo d’Inghilterra a Montecitorio, durante la sua visita in Italia. “All’innalzamento del livello dei mari e al degrado delle acque dolci si sommeranno gli effetti di fenomeni climatici estremi, – ha poi continuato – che apporteranno danni ai territori e avranno un impatto negativo sulle coltivazioni. Chiedetevi quali effetti tutto ciò avrà sul movimento delle popolazioni, considerando soprattutto il ritmo a cui si sta espandendo la popolazione umana. Potrebbero esserci centinaia di milioni di profughi ambientali, che cercheranno di fuggire da queste nuove, spaventose situazioni. Quindi c’é la necessità di un accordo sui cambiamenti climatici, che sia davvero globale, basato sulla fiducia ed equo. Per questo ci occorrono capacità di leadership e di visione”. Carlo d’Inghilterra ha poi aggiunto che “Mentre aumentano i dati scientifici che ci dicono come sia urgente intervenire, é veramente necessaria una leadership che dimostri che tutto ciò può servire alla “occupazione, valorizzando la competitività e la sicurezza energetica. Ci saranno ovviamente delle scelte difficili da fare in particolare per le industrie ad alto consumo energetico – ha concluso il principe Carlo – ma se vogliamo lasciare in eredità ai nostri figli un mondo che si possa abitare, allora dobbiamo agire subito”.