• Articolo , 8 novembre 2007
  • CEI: promuovere stili di vita rispettosi dell’ambiente

  • Secondo la Conferenza Episcopale il nesso inscindibile tra “ecologia ambientale” ed “ecologia umana” mette in luce “come una visione riduttiva dell’uomo finisca per produrre conseguenze negative anche per la stessa difesa del mondo naturale”

La Giornata del Ringraziamento, promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana, verrà celebrata con un seminario in programma a Lecce il 10 e l’11 novembre sul tema “Agricoltura, area mediterranea e cambiamenti climatici”. “Salvaguardare l‘integrità della persona umana, nel suo legame con Dio e con il creato, significa rifiutare ogni concetto disumano di sviluppo”, è uno degli ammonimenti centrali del messaggio, in cui si fa notare che “la risoluzione della crisi ecologica, il dare nuovo impulso allo sviluppo dei popoli e quindi futuro al pianeta, sono affidati, prima che a leggi e ad accordi internazionali, per quanto saggi e lungimiranti, a una trasformazione delle coscienze illuminate da precisi principi morali, premessa per l’elaborazione di regole, leggi e accordi”. Allora, “se davvero la crisi ecologica è legata a una mentalità errata, a stili di vita sbagliati, dobbiamo sviluppare una nuova mentalità, un modo nuovo di relazionarci con l’ambiente”. “Occorre il coraggio di promuovere stili di vita, modelli di produzione e consumo improntati al rispetto del creato e alle reali esigenze di progresso sostenibile, di riscoprire la sobrietà, che estirpi dal cuore dell’uomo la brama di possedere e restituisca il primato all’essere, che conduca l’uomo a usare della terra senza abusarne, che ci insegni a evitare l’inutile, il superfluo, l’effimero, che purifichi lo sguardo e faccia scoprire che l’ambiente non è una preda da saccheggiare, ma un giardino da custodire”. (fonte AliceNews.it)