• Articolo , 22 ottobre 2007
  • Celle a combustibile, un convegno per l’energia pulita

  • Le nuove tecnologie nell’ambito delle celle a combustibile che utilizzano i materiali ceramici di ultima generazione, con gran vantaggio per l’ambente

Il meeting è stato organizzato dall’Istituto per l’Energetica e le Interfasi (IENI) del CNR in collaborazione con l’Università di Genova e avrà luogo in città, al Museo del Mare, da oggi al prossimo mercoledì 24 ottobre.
L’argomento è particolarmente attuale soprattutto in relazione ai cambiamenti climatici a cui assistiamo. Quindi il fatto di poter produrre energia elettrica senza danni per l’ambiente, è ormai un tema di primaria importanza nei prossimi anni
Partecipano al convegno scienziati e studiosi sia dall’Europa che dagli Stati Uniti, per illustrare gli ultimi sviluppi nel settore dei materiali ceramici per le celle a combustibile.
In questi dispositivi, al contrario dei motori tradizionali, l’energia chimica del combustibile è convertita subito in energia elettrica senza emissione nocive e con un rendimento altissimo. Per poter giugngere ad effettivo uso di massa, è però necessario realizzare materiali che ne consentano l’esercizio a temperature inferiori rispetto agli attuali 800 °C e ne assicurino una maggiore durata nel tempo.
Tutto ciò si può risolvere grazie all’introduzione dei conduttori protonici, materiali che conducono gli ioni idrogeno e in cui il ciclo di produzione dell’energia elettrica funziona al contrario rispetto alle celle a combustibile ceramiche convenzionali. Questa nuova tecnica è in via di sviluppo nel 7° Programma Quadro dell’Unione Europea, con progetti di ricerca come “IDEAL-Cell”, che vede partecipare il CNR e l’industria italiana TurboCare di Torino. (fonte CNR)