• Articolo , 17 settembre 2010
  • Cercasi “Protagonisti della biodiversità”

  • 25 nidi artificiali e 25 mangiatoie per uccelli, ma anche 50 bat box per pipistrelli. E poi specie arboree e arbustive autoctone (300 piantine in tutto) che possono essere utilizzate per la realizzazione di siepi o piccole aree boscate, per la sistemazione di giardini o cortili interni, oppure per la sostituzione di essenze alloctone già […]

25 nidi artificiali e 25 mangiatoie per uccelli, ma anche 50 bat box per pipistrelli. E poi specie arboree e arbustive autoctone (300 piantine in tutto) che possono essere utilizzate per la realizzazione di siepi o piccole aree boscate, per la sistemazione di giardini o cortili interni, oppure per la sostituzione di essenze alloctone già impiantate. Sono i contributi per migliorare l’ambiente messi a disposizione dal Parco fluviale regionale del Taro con il concorso “Protagonisti della biodiversità”, una delle azioni del progetto “GenerAzioni Biodiverse” – realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna – rivolta a cittadini e aziende residenti all’interno dei Siti di Rete Natura 2000 “Medio Taro” e “Basso Taro” (Collecchio, Fontevivo, Fornovo di Taro, Medesano, Noceto, Parma, Solignano, Varano de’ Melegari, Fontanellato, Roccabianca, San Secondo Parmense, Sissa, Trecasali). Obiettivo, attivarsi con singoli gesti per la biodiversità: per la salvaguardia dell’ambiente, per la valorizzazione del paesaggio locale, per tutelare fauna e flora che proliferano nell’area.

“Il senso di questo concorso – sottolinea Michele Zanelli, direttore del Parco del Taro – sta nel portare avanti con perseveranza la nostra politica di coinvolgimento dei cittadini sull’importanza della biodiversità, tema di portata mondiale, quest’anno più che mai, proclamato dall’Onu Anno Internazionale della Biodiversità”.

I contributi messi a disposizione dal Parco saranno elargiti fino ad esaurimento, per questo è importante inoltrare tempestivamente la domanda di partecipazione. C’è tempo fino al 30 giugno 2011, per partecipare è necessario compilare la scheda di partecipazione motivando la richiesta di contributi messi a disposizione dal Parco.