• Articolo , 27 agosto 2007
  • Certificati bianchi: meno 900.000 t. di Co2

  • Risultati superiori agli obiettivi con il meccanismo dei certificati bianchi. Dalle verifiche dell’Autorità per l’energia su oltre 2000 interventi di risparmio energetico realizzati nel biennio 2005-2006 dai distributori di energia elettrica o gas e da società di servizi energetici presso i consumatori, emerge un significativo successo

Risultati oltre ogni più rosea previsione. evitando l’emissione di circa 900.000 tonnellate equivalenti di petrolio (TEP), il 100% in più a fronte del target vincolante di 468.000 TEP, previsto per i distributori per gli anni 2005-2006, pari ad a una riduzione di 2,5 milioni di tonnellate di Co2. Il meccanismo ha così ha assicurato economie superiori alle spese sostenute. Il contributo di 46 milioni di euro previsto per i distributori al raggiungimento dei tragurdi nei primi due anni, è stato controbilanciato dai risparmi nella bolletta dei cittadini, in misura da 6 ad oltre 12 volte il contributo erogato per ogni unità di energia risparmiata (100 euro per ogni TEP). Non ci poteva essere miglior conferma di come un uso più razionale dell’energia facesse bene sia all’economia dei consumatori, che alle finanze del Paese ed anche alla salvaguardia dell’ambiente. Inoltre ci sono proposte per uno sviluppo del meccanismo, mediante una rielaborazione del contributo tariffario ai distributori, per rispettare i target di risparmio energetico dei prossimi anni. (fonte Agi)