• Articolo , 21 settembre 2009
  • Certificazione energetica, Regione replica ad Assoedilizia

  • Regione Lombardia respinge la richiesta di Assoedilizia di sospendere la certificazione energetica degli edifici. “Non c’è nessun motivo – si legge in una Nota della Direzione generale Reti, Servizi di pubblica utilità e Sviluppo sostenibile – di sospendere l’applicazione delle nuove procedure che riguardano la certificazione energetica. Esse sono state messe a punto con l’ausilio […]

Regione Lombardia respinge la richiesta di Assoedilizia di sospendere la certificazione energetica degli edifici. “Non c’è nessun motivo – si legge in una Nota della Direzione generale Reti, Servizi di pubblica utilità e Sviluppo sostenibile – di sospendere l’applicazione delle nuove procedure che riguardano la certificazione energetica. Esse sono state messe a punto con l’ausilio di esperti qualificati, sono in linea con le direttive nazionali e non comportano nessun disagio per i cittadini. Nello stesso tempo tendono ad assicurare gli indispensabili requisiti di risparmio energetico e rispetto dell’ambiente”. La Nota entra poi punto per punto nel merito delle contestazioni. “Innanzitutto – si legge nella Nota – dal 2007 a oggi sono stati effettuati due soli aggiornamenti (e non 14!) delle procedure informatizzate (dicembre 2007 e giugno 2009). Ciò si è reso necessario per consentire l’adeguamento alle norme tecniche emanate da mesi e la certificazione dei singoli appartamenti. Del resto sono le stesse Linee guida, emanate con il DM 26 giugno 2009, ad individuare la metodologia di calcolo da seguire a livello nazionale per la certificazione energetica”.
“Occorre precisare inoltre – prosegue la Nota – che l’adozione della nuova procedura di calcolo, per gli edifici di piccole dimensioni, non comporterà un allungamento dei tempi di elaborazione da parte del certificatore e quindi non comporterà una ricaduta economica sui privati cittadini. In più il nuovo metodo di calcolo, in taluni casi, porta ad un miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio e quindi della sua classificazione”
Per quanto riguarda poi le ipotesi di inapplicabilità della Legge Regione Lombardia n. 13/09 paventate da Assoedilizia, la Nota di Regione Lombardia precisa che “il cosiddetto Piano Casa prevede il semplice adeguamento ai requisiti di prestazione energetica con una riduzione solo del 10% del fabbisogno di energia primaria per il riscaldamento della porzione di edificio esistente per interventi di ampliamento”.
In merito poi all’impossibilità, secondo Assoedilizia, di attribuire la corretta classe energetica al momento della progettazione dell’edificio, la Nota sottolinea che “la certificazione energetica viene rilasciata al momento della chiusura dei lavori e la procedura di calcolo che viene utilizzata è quella vigente al momento della certificazione. Non si capisce quindi come la nuova procedura di calcolo possa rappresentare una turbativa di mercato”.
“Infine – conclude la Nota – la ventilata impossibilità di accedere all’appartamento del condomino non sussiste perché il certificatore viene interpellato dai condomini e ha come finalità la detrazione fiscale del 55%. Sarebbe bizzarro incaricare un certificatore e poi impedirgli l’accesso”.