• Articolo , 3 aprile 2009
  • Cesena: ambiente, obiettivo ”energia pulita’

  • Diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile e mettere a punto progetti mirati a un uso sempre più ampio di fonti energetiche alternative. E’ questo lo scopo del protocollo d’intesa tra Comune di Cesena, Centro Studi WWF e Parco tematico per le energie alternative “Pesea” di Bagnile, che prevede la realizzazione di attività comuni sul territorio […]

Diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile e mettere a punto progetti mirati a un uso sempre più ampio di fonti energetiche alternative. E’ questo lo scopo del protocollo d’intesa tra Comune di Cesena, Centro Studi WWF e Parco tematico per le energie alternative “Pesea” di Bagnile, che prevede la realizzazione di attività comuni sul territorio sia sul fronte didattico sia su quello della ricerca di soluzioni concrete che riducano l’impatto ambientale dell’attività umana.
“Il problema energetico sta diventando un’emergenza a livello mondiale – dichiara il sindaco Giordano Conti – sia per l’esaurirsi di risorse primarie come il petrolio e il carbone sia per gli elevati tassi di inquinamento derivanti da queste materie. A Cesena l’attenzione verso questo tema è alta, e lo dimostrano le scelte innovative compiute per diversi progetti importanti, tra i quali rientra ad esempio la nuova scuola di Torre del Moro, dove si è deciso di fare ampio ricorso all’energia pulita. Con questo protocollo d’intesa vogliamo continuare lungo questa direzione e dare vita a ulteriori esperienze significative, in grado di migliorare la vita dell’intera comunità. L’esempio da seguire è rappresentato da quei paesi europei che hanno da tempo investito sull’energia pulita prodotta da sole, vento e altre forme inesauribili, arrivando a coprire il 65 per cento del loro fabbisogno energetico e abbattendo l’inquinamento”.
“Il protocollo con il Centro studi WWF dell’Emilia Romagna e il Parco tematico per le energie alternative è strategico – prosegue l’assessore all’Ambiente Severino Bazzani – perché permette di mettere a sistema risorse e competenze specifiche presenti sul territorio per la realizzazione di convegni e altre attività divulgative e dimostrative sui temi della produzione dell’energia pulita e per lo studio di progetti e tecnologie innovative. Già oggi l’area del parco di Bagnile, dove si trovano prototipi e impianti di energia da fonti rinnovabili, è meta di visitatori interessati, che d’ora in avanti vedranno crescere le loro opportunità di conoscenza sulla possibili vie da intraprendere per partecipare a un concreto sviluppo sostenibile”.