• Articolo , 26 gennaio 2011
  • Chianetta, i 7 GW di fotovoltaico istallato sono un successo per l’Italia

  • Sapere che il fotovoltaico italiano ha raggiunto i 7 GW di istallato sull’intero territorio ha spinto Chianetta, presidente di Assosolare, a ribadire la necessità di approntare le necessarie modifiche al Decreto Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – I dati sul fotovoltaico istallato “diffusi ieri dal GSE”:http://www.rinnovabili.it/gse-forse-raggiunti-i-7000-mw-fotovoltaici-istallati-nel-2010801677 sono stati accolti con positività anche dal presidente di Assosolare, Gianni Chianetta, che ha commentato “Ottimi i dati GSE, ora avanti con modifiche al decreto rinnovabili per raggiungere primato mondiale”. Il Gestore, che ha dichiarato di avere i numeri per credere che il fotovoltaico italiano abbia raggiunto a fine 2010 i 7000 MW di capacità istallata, segna il successo del Conto Energia e conferma la crescita di uno dei settori per la generazione di energia pulita che sta avendo più sviluppo, a discapito della crisi economica mondiale che affligge i mercati dal 2009.
Soddisfatto quindi del successo decretato anche dal documento pubblicato ieri Chianetta ha affermato “I 7 GW che pongono l’Italia al secondo posto a livello mondiale, genereranno circa 8,5 TW/h che corrispondono a oltre 4,6 milioni di tonnellate di CO2 evitate all’atmosfera, e a circa il 3% della produzione nazionale di energia elettrica, guadagnando oltre i 2 punti percentuali rispetto allo scorso anno. Ciò conferma che il fotovoltaico potrà essere determinante per il raggiungimento degli obiettivi dell’Italia per il 2020 in termini di energia rinnovabile: pertanto il valore indicato nel Piano Nazionale di 8 GW è totalmente da rivedere, come Assosolare sostiene da tempo. La grid parity potrebbe essere più vicina, e potremmo iniziare a ragionare a come gestire il dopo 2013 per continuare a sostenere un trend di crescita che può diventare un testa a testa con la Germania per il primato” a tal proposito il presidente di Assosolare ha voluto ribadire l’importanza di recepire, nell’ambito dell’adozione del Decreto legislativo che regolamenta le rinnovabili, le modifiche presentate dalle associazioni di settore che in questi giorni si sono avvicendate durante le sedute della Commissione Industria. Nello specifico Chianetta ha sottolineato “Sempre alla luce di numeri tanto incoraggianti, è indispensabile che il decreto legislativo sulle rinnovabili recepisca le modifiche proposte da Assosolare, eliminando l’ingiustificata restrizione prevista per gli impianti su aree agricole ed evitando cambiamenti in itinere ad un sistema incentivante che sta funzionando bene, perché rappresenterebbero una battuta d’arresto ad una delle poche economie italiane in crescita esponenziale”.