• Articolo , 17 dicembre 2010
  • Chiusure tecniche e standard LEED®: arrivano le linee guida

  • Habitech il Distretto Tecnologico Trentino per l’energia e l’ambiente di Rovereto, e UCCT, l’Associazione Italiana dei costruttori, installatori e manutentori di chiusure tecniche per l’edilizia, hanno realizzato insieme “Linee guida sul contributo delle chiusure tecniche allo standard LEED”

(Rinnovabili.it) – Il mercato chiede costruzioni sempre più “sostenibili” e Habitech risponde. In collaborazione con l’Unione Costruttori Chiusure Tecniche (UCCT) il Distretto tecnologico Trentino ha realizzato un documento di supporto dedicato alle aziende che desiderino conoscere e avvicinarsi al sistema di certificazione energetico ambientale per gli edifici LEED Leadership in Energy Environmental Design). Disponibili online le “Linee guida sul contributo delle chiusure tecniche allo standard LEED®”:http://www.habitech.it/uploaded/leed/2010-12-16_Linee%20guida%20UCCT_rev.pdf create per individuare quali siano i crediti dello standard LEED principalmente applicabili al settore delle chiusure tecniche, dal momento che, nonostante lo standard di certificazione venga assegnato all’intero edifico e non ai singoli prodotti o materiali, anche questi ultimi possono contribuire ai requisiti richiesti dai crediti LEED. Il documento in questione è stato realizzato per individuare quali siano i crediti applicabili al settore delle chiusure tecniche. “L’obiettivo che ci siamo proposti – spiega Nicola Fornarelli, Executive Manager di UCCT – è quello di aiutare il singolo Socio a capire meglio l’evoluzione del settore e a cogliere le nuove opportunità che si aprono, reinventando l’architettura delle relazioni che lo legano alle altre imprese, alla filiera e al territorio, in un processo di innovazione. La stesura congiunta delle linee guida realizzata con Habitech, ha stimolato positivamente il coinvolgimento di numerose Aziende Socie che, partendo dall’approfondita conoscenza tecnica dei loro prodotti, hanno visto aprirsi prospettive di sviluppo in cui tecnologie avanzate e usi tradizionali possono coesistere integrandosi tra loro”.
Gli fa eco la coordinatrice Habitech del progetto Erika Endrizzi spiegando come siano stati individuati diversi crediti appartenenti alle aree di Energia e Atmosfera, Materiali e Risorse, Qualità dell’aria interna e Innovazione nella Progettazione. “In particolare – afferma Endrizzi – sono venute alla luce diverse soluzioni innovative e di risparmio energetico proposte dalle aziende del settore, tra cui i portali di carico che permettono di risparmiare sui costi energetici, fornendo anche in modo del tutto automatizzato un ottimo isolamento termico e una buona protezione dalle intemperie durante le operazioni di carico e scarico; importanti anche i contributi nel campo dell’isolamento acustico delle porte tagliafuoco”.