• Articolo , 12 gennaio 2011
  • Cina, presto attivi i nuovi obiettivi regionali anti-emissioni

  • Ormai è deciso. Saranno a breve definiti i nuovi obiettivi anti-emissioni studiati in maniera specifica per ogni regione della Repubblica. Lo ha dichiarato Su Wei, Direttore del Dipartimento nazionale sul Cambiamento Climatico

(Rinnovabili.it) – Il Governo cinese imporrà nuovi obiettivi vincolanti per regolare le emissioni regionali. La dichiarazione, diffusa dal Direttore generale del Dipartimento sul Cambiamento Climatico presso la Commissione nazionale dello Sviluppo e delle Riforme, Su Wei, ha specificato come l’iniziativa rientrerà a pieno titolo nella politica della Repubblica che mira a rispettare i target nazionali di riduzione degli inquinanti rilasciati in atmosfera, fissati al 2020. Per la redazione del piano sarà quindi organizzato un gruppo di lavoro ad hoc che si occuperà di elaborare politiche e obiettivi specifici.
“Dal momento che la Cina ha obiettivi vincolanti sulle emissioni di carbonio, ogni regione avrà dei target specifici e i settori principali dell’industria ad alta intensità di carbonio dovranno avere le proprie responsabilità” ha dichiarato Su.
Gli obiettivi cinesi mirano a ridurre i livelli di emissioni di CO2 facendo riferimento ai livelli del 2005 ossia la quantità di anidride carbonica emessa per unità di PIL, del 40-45% entro il 2020.
Le industrie altamente energivore dislocate sul territorio della Repubblica furono costrette a ridurre le emissioni entro la seconda metà del 2010 per riuscire a rispettare i limiti fissati per il periodo 2006-2010 anche se non verranno prese ad esempio per la redazione del nuovo programma anti-inquinamento.
“Abbiamo visto azioni estreme nel 2010 come l’interruzione del servizio e la limitazione della fornitura di energia elettrica. Se ci atteniamo agli metodi stessi nei prossimi cinque anni che riscontreremo solo abusi e violazioni, come rivelano ad esempio le statistiche sulla frode”, ha sottolineato Su.