• Articolo , 22 giugno 2011
  • Cina, sull’eolico off-shore si punta ai 30 GW

  • La National Energy Bureau ha annunciato che entro il 2015 porterà la capacità delle installazioni marine a 5 GW per sestuplicarla nel 2020

(Rinnovabili.it) – Non conosce freno la corsa allo sviluppo della Cina. Decisa a trovare internamente le risorse di cui l’industria ha sempre più bisogno e, nel contempo, a conquistare la leadership nel settore delle energie alternative, la Repubblica Popolare rilancia i propri obiettivi elettrici annunciando che nei prossimi cinque anni rafforzerà la propria potenza eolica offshore portando la capacità istallata a largo delle sue coste a 5 GW.
Il nuovo piano di sviluppo, licenziato dall’Authority cinese che riguarderà l’intera catena industriale dell’eolico, seguendo la tecnologia passo passo, dalla componentistica alle piattaforme per l’istallazione.
Una scelta che non sorprende visto lo spirito protezionistico del Gigante asiatico e che si rende necessario ora per supportare l’economia interna e accelerare la seconda fase, quando l’off-shore dovrebbe raggiungere, entro il 2020, i 30 GW. La National Energy Bureau (NEB) presenterà nel secondo semestre del 2011 l’asta pubblica per l’assegnazione della tranche di concessioni da completare nella prima metà del 2012. Gli impianti, tutti su grande scala, avranno capacità comprese tra 1,5 GW e 2 GW.