• Articolo , 17 febbraio 2010
  • CityLife, un quartiere a emissioni zero

  • CityLife sarà il primo insediamento nella città di Milano ad avere un sistema di riscaldamento e raffreddamento a emissioni zero, senza alcun tipo di combustione. L’accordo relativo all’alimentazione energetica del nuovo quartiere in corso di realizzazione nell’area dell’ex Fiera, è stato firmato oggi da CityLife e A2A, attraverso A2A Calore & Servizi, la società del […]

CityLife sarà il primo insediamento nella città di Milano ad avere un sistema di riscaldamento e raffreddamento a emissioni zero, senza alcun tipo di combustione. L’accordo relativo all’alimentazione energetica del nuovo quartiere in corso di realizzazione nell’area dell’ex Fiera, è stato firmato oggi da CityLife e A2A, attraverso A2A Calore & Servizi, la società del gruppo che si occupa di teleriscaldamento.
I contenuti dell’accordo sono stati illustrati da Giuliano Zuccoli, Presidente del Consiglio di Gestione di A2A, e da Claudio Artusi, amministratore delegato di CityLife, alla presenza dell’assessore allo Sviluppo del territorio Carlo Masseroli.

Nel quartiere di CityLife non saranno installate caldaie convenzionali a gas, a garanzia non solo della tutela ambientale ma anche della sicurezza. L’acqua calda sarà fornita da A2A tramite un collegamento con la rete di teleriscaldamento proveniente dal termovalorizzatore Amsa di Figino – Silla 2. L’acqua di risulta del sistema di riscaldamento e condizionamento delle residenze sarà riciclata per l’irrigazione del parco, delle aree verdi condominiali e per gli scarichi dei servizi igienici, in un’ottica di ottimizzazione delle risorse disponibili.

“Citylife anticipa alcuni degli elementi cardine del Piano di Governo del Territorio – ha affermato Masseroli – costituendo un esempio per le future realizzazioni urbanistiche e per la rigenerazione del patrimonio esistente. L’Amministrazione comunale intende infatti perseguire una vera sostenibilità attraverso due parole d’ordine: emissioni zero e riduzione dell’impronta ecologica, per passare dall’ecologia del no, all’ecologia del come”.
“Questa importante iniziativa – ha sottolineato Giuliano Zuccoli – si inquadra nell’ambito del progetto di sviluppo pluriennale del teleriscaldamento che A2A, con il forte sostegno dell’Amministrazione comunale, ha in corso di realizzazione sul territorio del Comune di Milano”.

“Siamo soddisfatti di aver raggiunto questo accordo con A2A – ha detto Claudio Artusi – perché ci consente di perseguire appieno l’obiettivo di fondo dell’intera progettazione di CityLife, ovvero il massimo rispetto dell’ambiente, attraverso un mix di risorse rinnovabili, scelte impiantistiche altamente efficienti e riduzione degli sprechi”.

A CityLife l’attenzione all’ambiente si concretizzerà anche attraverso la realizzazione di un grande parco pubblico di 165.000 mq, il terzo nel centro di Milano. Il parco ospiterà 2.000 nuovi alberi scelti sulla base della loro capacità di favorire la biodiversità. Si calcola che quest’area consentirà l’assorbimento di oltre 60.000 kg/anno di CO2 e 800 kg/anno di inquinanti atmosferici.