• Articolo , 21 marzo 2011
  • CLIM-RUN: informazioni climatiche ad hoc

  • Per la prima volta nel Mediterraneo, lo sviluppo di servizi climatici, di un network multidisciplinare e, perché no, di nuove professionalità

(Rinnovabili.it) – Da oggi gli stakeholders potranno disporre di informazioni climatiche ad hoc e soddisfare così le proprie esigenze operative. Il progetto europeo Climate Local Information in the Mediterranean region: Responding to User Needs (CLIM-RUN), coordinato dall’ENEA, offrirà infatti servizi climatici ai differenti attori nei settori dell’energia rinnovabile e del turismo.
Con un finanziamento di circa 3,5 milioni di euro e una durata stimata in tre anni, esso privilegia un approccio bottom up che mira a coinvolgere sin dall’inizio gli operatori del settore per individuare i servizi climatici specifici da sviluppare e per definire le linee-guida future a livello mediterraneo ed europeo. Il continuo interscambio tra esperti climatici e stakeholders favorirà lo sviluppo di nuovi strumenti modellistici e di metodi statistici per ottenere informazioni utili alle varie applicazioni, come nel caso delle statistiche sul vento per la costruzione e la gestione degli impianti eolici. Inoltre, saranno messe in moto interessanti sinergie che potrebbero portare anche alla definizione di nuovi profili lavorativi.
Il consorzio che implementerà il progetto è composto da sedici partner, tra cui uno internazionale (ICTP), uno europeo (JRC), uno appartenente ai Paesi in Via di Sviluppo (Università di Tunisi), uno agli Stati Uniti (Università del Maryland), due italiani (ENEA e Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici), più altri partner pubblici e privati europei quali il National Observatory of Athens, il tedesco PIK, l’Università dell’East Anglia e la Fundaciò Privada Institut Català de Ciencies del Clima.