• Articolo , 25 novembre 2008
  • Clima: a Bologna, Amministrazioni Locali a confronto su cambiamenti

  • Non piu’ solo i governi ed i capi di stato come attori protagonisti nell’individuazione dei punti chiave delle politiche a favore della tutela del clima, ma anche gli enti locali. Il Coordinamento Nazionale delle Agende 21 Locali Italiane, istituito secondo il piano di azione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), in collaborazione […]

Non piu’ solo i governi ed i capi di stato come attori protagonisti nell’individuazione dei punti chiave delle politiche a favore della tutela del clima, ma anche gli enti locali.
Il Coordinamento Nazionale delle Agende 21 Locali Italiane, istituito secondo il piano di azione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Urbanistica ed il Comune di Bologna, ha indetto infatti una giornata di confronto tra le amministrazioni comunali, provinciali e regionali, il mondo imprenditoriale e quello accademico per avviare un dibattito sulle misure previste dal pacchetto 20-20-20 dell’Unione Europea, anche in previsione del nuovo Protocollo di Kyoto che si decidera’ a Copenhagen alla fine del 2009.
”Il clima delle citta’, le citta’ per il clima”, questo il titolo della conferenza che si terra’ il 5 dicembre a Palazzo D’Accursio a Bologna. Esperti di settori diversi elaboreranno la propria analisi a partire dalla considerazione che, anche in questa complessa fase economica, trasformare una necessita’ in opportunita’ d’innovazione economica, sociale e culturale e’ possibile. Le amministrazioni italiane lo stanno gia’ facendo e lo testimoniano i risultati ottenuti tanto nella riduzione delle emissioni di CO2 quanto nell’aumento dell’impiego di energie rinnovabili.