• Articolo , 2 agosto 2010
  • Clima, al via da oggi i nuovi round negoziali a Bonn

  • Fino al prossimo 6 agosto si svolgeranno nella città tedesca gli incontri tra le delegazioni internazionali con l’obiettivo di snellire e rendere più vincolante il testo che verrà discusso nel corso della prossima Conferenza Onu sul clima di Cancun

(Rinnovabili.it) – Sono partiti oggi a Bonn gli incontri tra le delegazioni internazionali per definire, in vista del prossimo vertice di Cancun, il testo di un nuovo accordo sulle emergenze climatiche e sul taglio dei gas serra. Fino al prossimo 6 agosto saranno due i gruppi di lavoro a riunirsi nella città tedesca: uno si occuperà in particolare degli impegni che i Paesi maggiormente sviluppati dovranno assumere nell’ambito del Protocollo di Kyoto. L’altro gruppo, invece, si concentrerà in particolare sulle “azioni di cooperazione a lungo termine” che dovranno intraprendere tutte le nazioni, comprese Cina e Stati Uniti.
I round negoziali che si svolgeranno durante questa settimana a Bonn sono un passo necessario per snellire i testi degli accordi che verranno discussi in Messico dal prossimo 29 novembre al 10 dicembre. In gioco c’è l’intesa fondamentale che le nazioni dovranno raggiungere sul post-Kyoto ed è per questo che il nuovo segretario esecutivo della Unfccc Christiana Figueres, insediata agli inizi di luglio al posto del dimissionario Yvo de Boer, ha messo a punto una serie di proposte per “alleggerire” le procedure e velocizzare la ratifica dei prossimi accordi.
In occasione degli ultimi negoziati che si sono tenuti a Bonn, nel giugno di quest’anno, il testo della bozza di accordo è stato definito “squilibrato” dal Gruppo di 77 paesi in via di sviluppo più la Cina. Secondo molti di questi paesi, l’onere dei tagli delle emissioni colpirebbe troppo i paesi più poveri e non abbastanza quelli ricchi. Tra questi ultimi, gli Stati Uniti hanno definito “inaccettabili” alcuni elementi del testo, mentre l’Ue ha espresso “preoccupazioni”.