• Articolo , 23 dicembre 2009
  • Clima. Sarkozy vuole un incontro con i 28 a Parigi

  • Il presidente francese intende avviare dei colloqui internazionali il prossimo anno per cercare un accordo sui tagli delle emissioni di carbonio

(Rinnovabili.it) – Il Capo di Stato francese, Nicolas Sarkozy, ha incontrato ieri i rappresentanti di diversi gruppi ambientalisti per discutere dei risultati della Conferenza delle Parti di Copenaghen, la cui conclusione ha lasciato a molti l’amaro in bocca.
L’accordo minimo messo sul tavolo ed inerente solo al finanziamento per i Paesi poveri, non ha raggiunto le ambizioni francesi così come ha deluso molti altri Stati.
In un comunicato stampa, l’ufficio presidenziale ha fatto sapere che Sarkozy durante un pranzo con le ONG ha “ricordato le condizioni della mobilitazione che la Francia intende intraprendere nei prossimi mesi”. Come conferma Arnaud Gossement, portavoce del gruppo France Nature Environnement, l’intenzione del presidente francese sarebbe quella di riunire a Parigi alla fine di gennaio i paesi collocati nei quattro bacini forestali più importanti al mondo.
Non solo. Sarkozy intende invitare i 28 paesi che hanno firmato l’accordo finale di Copenaghen ad un incontro il prossimo aprile o maggio, con l’obiettivo di “realizzare l’obiettivo del 50 per cento entro il 2050”. Eppure il Capo di Stato, spiega Gossement, non si aspetta che tutte le voci siano presenti ed in particolar modo non crede facile che Paesi come Cina ed Arabia Saudita partecipino alla riunione. Ma questo non sembra esssere un ostacolo.