• Articolo , 9 novembre 2009
  • Climate change: coste australiane sotto scacco

  • A causa dell’aumento delle temperature globali le coste australiane sono minacciate dall’innalzamento del livello oceano: si è registrato un aumento di 9 mm in un anno

(Rinnovabili.it) – Le statistiche condotte dal “National Tidal Centre”:http://www.bom.gov.au/oceanography/projects/ntc/ntc.shtml australiano dimostrano che il livello dei mari al largo della capitale dello stato del Perth è aumentato di quasi 9 millimetri, contro una media globale pari a 3 mm, individuando nello stravolgimento climatico di origine umana la causa principale.
I climatologi hanno dichiarato che la combinazione tra l’azione antropica e le variabili naturali ha giocato un ruolo fondamentale nella crescita degli effetti negativi del climate change in tutto il Pianeta.
Per gran parte del secolo scorso si sono registrati aumenti medi di 1,7 millimetri l’anno, mentre tale tasso è raddoppiato dopo il 1993, causando danni maggiori in alcune regioni rispetto ad altre.
Il Dottor John Church, in qualità di rappresentante del “CSIRO”:http://www.csiro.au/, Australian Commonwealth Scientific and Research Organization, ha dichiarato che i segnali del cambiamento climatico sono molto preoccupanti e non vanno sottovalutati:
“Il ruolo dell’uomo è dare un contributo significativo per fermare il climate change” – ha detto Church – “Penso che il fatto che il livello dei mari sia in aumento dovrebbe essere un motivo di grave preoccupazione, vista la combinazione tra l’azione antropica e gli eventi naturali che danno luogo ad eventi particolari come mareggiate in alcune regioni piuttosto che in altre e l’innalzamento del livello del mare, destinato ad aumentare nei secoli”.
Ancora più allarmante è che la maggior parte della popolazione australiana, circa l’80%, vive in zone costiere sottoposta quindi ai maggiori danni derivanti dall’aumento delle temperature globali e dal conseguente avanzamento delle acque, possibile causa della migrazione dei popoli verso le zone più interne del continente, meno colpito da inondazioni ed erosione.
Gli scienziati del CSIRO hanno dichiarato che l’innalzamento della temperatura globale è in continuo aumento e va fermata immediatamente, in modo da evitare conseguenze nefaste per l’umanità.