• Articolo , 29 maggio 2009
  • Climate Change: Governi locali a rapporto

  • Comuni, Province e Regioni d’Italia rappresentati da Agenda 21 al forum mondiale degli enti locali sui cambiamenti climatici di Copenhagen per presentare la “Carta delle Città” ai 600 partecipanti provenienti da tutto il pianeta

(Rinnovabili.it) – Da Bali a Copenhagen passando per Poznan, la roadmap degli Enti locali continua nel suo percorso che farà tappa dal 2 al 4 giugno nella città danese con il “Local Government Climate Change Leadership Summit”. All’appuntamento saranno presente oltre 600 rappresentanti di tutto il pianeta con l’obiettivo di predisporre un documento unitario da sottoporre all’attenzione dell’ONU e dei Governi Nazionali con cui chiedere che città e territori siano inseriti come attori a pieno titolo nel nuovo accordo mondiale sul clima. Nella sfida ambientale infatti gli enti locali hanno una delicata posizione che può giocare in maniera attiva nel raggiungimento degli impegni per il post-Kyoto.
Per questo la tre giorni vedrà sfilare i Sindaci di Parigi, Vancouver, Bonn, Dar es Salaam e molti altri provenienti da tutta Europa ma anche da Stati Uniti, America Latina, Cina e Africa. A rappresentanza di Comuni, Province e Regioni italiane sarà a Copenhagen anche Agenda 21, nella convinzione che si tratti del “più grande evento del mondo dedicato solo agli enti locali impegnati nella lotta ai cambiamenti climatici volto ad ottenere che vengano sfruttate le potenzialità delle amministrazioni locali. Già attive da anni a livello territoriale “con diverse tipologie di intervento capillare, – spiega Emilio D’Alessio, Presidente di Agenda 21 Italia – stanno dando un contributo importante, se non fondamentale, in tutto il pianeta. Il ruolo delle città in particolare potrebbe essere ulteriormente rafforzato dalla possibilità di accedere ai meccanismi finanziari degli accordi, contabilizzando le riduzioni di emissioni ottenute con scelte e progetti locali”.
Agenda 21 sarà presente anche per illustrare la Carta delle Città e dei Territori d’Italia per il Clima realizzata in collaborazione con Anci e Upi e già consegnata ufficialmente al Governo il 3 aprile a Roma alla presenza di Pedro Ballesteros Torres, responsabile del Patto dei Sindaci lanciato dalla Commissione Europea.