• Articolo , 6 settembre 2010
  • Climate Change: Tara è pronta a veleggiare verso Sud

  • Continua l’impresa della goletta francese che sta studiando gli effetti del surriscaldamento su flora e fauna marina

(Rinnovabili.it) – Lo “yacht francese Tara”:http://www.rinnovabili.it/tara-sulle-tracce-di-darwin-per-mappare-il-climate-change-401891 è partito questa domenica per la seconda tappa della sua speciale spedizione, un’avventura della durata di tre anni attraverso i grandi oceani del mondo per riportare gli effetti del cambiamento climatico sui microrganismi marini che producono metà dell’ossigeno che respiriamo e da cui tutta la vita si è evoluta.
La goletta, una 36 metri, è salpata da Città del Capo un anno dopo aver lasciato Lorient, nella Francia occidentale, per lanciarsi nella traversata dell’Atlantico e Pacifico per la Nuova Zelanda come parte di un viaggio di ben 150.000 km.
Ispirati dall’esplorazione compiuta da Darwin nel 1831-1836 a bordo del suo Beagle, l’equipaggio continuerà, dunque, nella sua missione che prevede la raccolta di campioni, da congelare a bordo della barca e quindi da inviare a laboratori specializzati, per tracciare una linea di base sugli studi dedicati al Climate Change. “Oggi sappiamo che il Pianeta sta cambiando, e che l’oceano sta cambiando, e ci aspettiamo molto dal mare per controbilanciare quello che gli umani stanno facendo al Pianeta”, ha dichiarato alla stampa Philippe Koubbi, lo scienziato capo a bordo di Tara. Per la mission è stata creata appositamente una bio-banca contenente una molteplicità di microrganismi da virus e batteri a larve di pesci.