• Articolo , 8 marzo 2011
  • CO2RRECT, il buon uso dell’anidride carbonica

  • Partner industriali e del mondo accademico stanno tentando di sfruttare le energie rinnovabili per convertire l’anidride carbonica in una materia prima per la produzione di materie plastiche

(Rinnovabili.it) – Produrre idrogeno per sottrarre CO2 dall’atmosfera e realizzare così materiali plastici low carbon. E’ questa l’equazione risultante da *CO2RRECT* (acronimo di _CO2-Reaction using Regenerative Energies and Catalytic Technologies_), progetto di ricerca a cui partecipano università e istituti tedeschi con la collaborazione di tre partner industriali, Siemens, Bayer, RWE.
Elemento chiave di *CO2RRECT* è il contributo della Corporate Technology, reparto ricerca centrale Siemens: un elettrolizzatore per la produzione di idrogeno su scala industriale, che impiega l’energia del sole e del vento per scindere le molecole d’acqua. Siemens ha costruito un unità sperimentale d’elettrolizzatore da 100 kW da collegare alla rete elettrica e che entrerà in funzione ogni volta che l’energia è disponibile. L’idrogeno prodotto in questo modo può reagire con il biossido di carbonio e convertire il gas in prodotti intermedi, quali il monossido di carbonio o l’acido formico. A loro volta questi intermediari possono essere successivamente utilizzati per la fabbricazione di materie plastiche utili o combustibili.
A fornire la CO2 per il progetto è la centrale elettrica a carbone di RWE a Niederaußem, sito pilota per la sperimentazione di nuove tecnologie di CCS. Inoltre lavorando insieme con partner russi, i ricercatori stanno attualmente studiando i processi di combustione che producano la minor quantità possibile di ossidi di azoto.
Il Ministero della Ricerca teutonico finanzierà l’iniziativa con 11 milioni di euro nell’arco di tre.