• Articolo , 5 giugno 2008
  • Cofatech, “trigenerazione” per Università Catanzaro

  • Un investimento di 5 milioni di euro per fornire all’Ateneo Magna Græcia di Catanzaro elettricita’, calore e condizionamento con un risparmio annuo del 6,5% Cofathec, principale societa’ europea di servizi energetici, costruira’ e gestira’, in ATI (Associazione Temporanea d’Impresa) con Graded S.p.A. e Sieme s.r.l., una nuova centrale di trigenerazione per l’Universita’ degli Studi Magna […]

Un investimento di 5 milioni di euro per fornire all’Ateneo Magna Græcia di Catanzaro elettricita’, calore e condizionamento con un risparmio annuo del 6,5% Cofathec, principale societa’ europea di servizi energetici, costruira’ e gestira’, in ATI (Associazione Temporanea d’Impresa) con Graded S.p.A. e Sieme s.r.l., una nuova centrale di trigenerazione per l’Universita’ degli Studi Magna Græcia di Catanzaro. L’investimento, del valore di 5 milioni di euro, consentira’ la realizzazione di una centrale per la produzione congiunta di energia elettrica, termica e frigorifera da 4,5 MW di potenza nominale, in grado di soddisfare il fabbisogno energetico dell’intero Ateneo. Si tratta di un totale di 7 edifici per una superficie di 80.000 metri quadri e un bacino di utenza di oltre 5.000 tra studenti e personale docente e amministrativo. Oltre alla realizzazione della centrale, i cui lavori partiranno a Luglio 2008 e dureranno 9 mesi, Cofathec con l’ATI di cui e’ parte si occupera’ di gestire l’impianto, assicurando la fornitura costante di energia all’intero complesso universitario. La concessione avra’ una durata di 14 anni per un valore complessivo di 81 milioni di euro e garantira’ all’Universita’ di un risparmio del 6,5% sulla bolletta energetica pari a circa 5 milioni di euro. Ogni anno la centrale di trigenerazione produrra’ 19.000 MWe di elettricita’ e 40.000 MWt di vapore: numeri importanti che oltre a preservare l’Ateneo dai rischi di black out, permettera’ di evitare, grazie all’alta efficienza assicurata dalla produzione congiunta di energia elettrica e termica a partire da un unico processo di combustione, l’emissione in atmosfera di oltre 855 tonnellate all’anno di CO2. Oltre all’impianto di cogenerazione, Cofathec e’ gia’ partner dell’Universita’ di Catanzaro per la realizzazione degli impianti tecnologici all’interno dei lavori di ampliamento della struttura nei quali e’ impegnata negli ultimi anni l’Universita’. Diverse sono le esperienze maturate in Campania da Cofathec, tra le quali la realizzazione e gestione di un impianto di cogenerazione di 5 MWe di potenza per l’Universita’ Federico II di Napoli, comprensiva della manutenzione di tutti gli impianti tecnologici dell’Universita’, e la realizzazione una centrale di cogenerazione per l’Universita’ di Salerno. Cofathec e’ uno tra i maggiori attori in Europa nel mercato dei servizi energetici e del Facility Management. Cofathec propone ai propri clienti sia pubblici che privati (Amministrazioni Pubbliche, industrie, complessi immobiliari, abitazioni private) una molteplicita’ di soluzioni energetiche e tecnologiche adatte alle loro esigenze, permettendogli di concentrarsi esclusivamente sul proprio core business. In Italia, il gruppo Cofathec, al cui comando c’e’ Jean – Pierre Mone’ger, e’ presente dal 1998 ed e’ oggi composto da 7 societa’ principali: Cofathec Servizi, SI Servizi Cofathec, Sinergie, Cofathec Reti Calore, Artemide Energia, CO Energy Power e Termica Boffalora. Il gruppo e’ presente con 50 uffici su tutto il territorio nazionale. Nel 2007, Cofathec in Italia ha realizzato un fatturato di circa 500 milioni di euro e conta piu’ di 2000 collaboratori.