• Articolo , 29 novembre 2010
  • Cogenerazione, dalla sansa nuove speranze per le eco-energie

  • Più spazio alle potenzialità della sansa e dei residui della lavorazione delle olive all’interno del comparto energetico. Con questa speranza le associazioni firmano il contratto quadro che mira ad un futuro in cui la cogenerazione abbia un ruolo chiave

(Rinnovabili.it) – Cercando di allargare il più possibile gli orizzonti della generazione di energia pulita l’*Organizzazione Interprofessionale dell’Olio di Oliva*, che riunisce Confagricoltura, Cia, Copagri, Unasco, Aipo, Cno, AGCI-Agrital, Legacoop Agroalimentare, Associazione frantoiani d’Italia, Federolio ed Assitol, e Assoelettrica ha proposto e firmato stamane un contratto quadro dedicato all’intero settore suggerendo di impiegare la sansa e i sottoprodotti della lavorazione delle olive per la generazione di energia pulita. Nel particolare si tratterebbe di utilizzare la _sansa disoleata,_ ovvero privata della parte oleosa e poi essiccata impiegando anche gli olii residuali come biocombustibili. Attualmente in Italia la sansa è largamente impiegata nella generazione di energia: il 98% dei residui disoleati sono infatti convertiti in energia, anche se il comparto non rileva esempi conosciuti a larga scala.
“L’Interprofessione auspica che, già da questa campagna olearia, alcune migliaia di tonnellate di olio di sansa possano essere destinate ad uso energetico, fornendo così un nuovo sbocco al prodotto, con ricadute utili a tutto il settore olivicolo” ha dichiarato Pina Romano, presidente dell’Organizzazione Interprofessionale dell’Olio d’oliva. Generando maggiori quantitativi di elettricità sfruttando fonti energetiche alternative si potrà contribuire alla riduzione delle emissioni dannose supportando l’Italia nel raggiungimento degli obiettivi Europei in fatto di emissioni, in scadenza nel 2020, sperando nella creazione di un nuovo filone produttivo. La generazione di energia da sansa potrà dare un ulteriore contributo visto che assieme all’elettricità si può contare anche alla generazione di calore, con la conseguente diffusione potenziale di impianti di cogenerazione.

I Correlati

Cogenerazione e rigenerazione di olio esausto: l’impianto di Lodi Pieve Fissiraga (Lodi), 22 marzo 2014

Cogenerazione e rigenerazione di olio esausto: l’impianto di Lodi

L'impianto di cogenerazione installato nello stabilimento Viscolube fornirà l'energia elettrica e termica necessarie ai processi di rigenerazione di olio esausto (lubrificante)

Asja ambiente italia Rivoli, 15 luglio 2013

Asja acquisisce una nuova società ed apre alla micro-cogenerazione

Asja Ambiente Italia annuncia l’acquisizione di Energia Nova entrando dunque nel mondo dell’efficienza energetica

Nasce a Rimini il “Coordinamento della cogenerazione” italiana Rimini, 13 settembre 2013

Nasce a Rimini il “Coordinamento della cogenerazione” italiana

Dall’accordo tra le tre associazioni di settore - Cib, Cogena e Italcogen - i primi passi per la promozione della cogenerazione distribuita

Quello che la cogenerazione può fare Rimini, 7 novembre 2013

Quello che la cogenerazione può fare

ASCOMAC Cogena, CIB, e Italcogen ANIMA scrivono ai Ministri Orlando e Zanonato per chiedere di dare impulso a una tecnologia capace di garantire ampi margini di sostenibilità e riduzione dei costi