• Articolo , 5 febbraio 2008
  • Coldiretti: con bioenergie un risparmio di 12 milioni tonnellate di petrolio

  • In attesa della appuntamento dei quattro giorni della rassegna veronese, ecco le stime dell’Organizzazione Agricola italiana sulle le fonti energetiche prodotte da risorse “biologiche”. Un uso razionale, che a loro avviso, permetterebbe una riduzione di circa 30 milioni di tonnellate delle emissioni inquinanti

Potremmo arrivare ad ottenere un risparmio di oltre 12 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti e ridurre le emissioni di Co2 di origine fossile di ben 30 milioni (sempre tonnellate), semplicemente utilizzando le bioenergie provenienti dalle campagne italiane. Ad affermarlo sono le stime della Coldiretti che, in occasione della prossima Fiera Agricola di Verona, insieme all’Associazione Fattorie del Sole, organizzerà un’attività di informazione e consulenza sul tema delle fonti bioenergetiche, con visite guidate presso alcuni impianti di fonti rinnovabili. L’obiettivo, fa sapere l’Organizzazione in una nota, “è quello di rispondere concretamente con attività di informazione e consulenza alla Commissione europea che ha chiesto all’Italia l’aumento del 17% dei consumi energetici da fonti rinnovabili e un taglio del 13% delle emissioni di Co2 entro il 2020”. Giovedì 7 febbraio, data d’inizio della fiera, presso lo stand Coldiretti, si svolgerà un focus con le aziende interessate alle novità della finanziaria in ambito agroenergetico e dell’efficienza energetica, mentre nei giorni successivi l’attenzione sarà portata sul tema della filiera dell’olio vegetale per impianti cogenerativi di piccola potenza e sulla visita a due impianti a biogas in provincia di Cremona.