• Articolo , 6 gennaio 2008
  • Con “echo action” 110 famiglie capannoresi ‘a scuola’ di risparmio energetico

  • Sono 110 le famiglie capannoresi che hanno aderito al progetto europeo ‘Echo Action’ di cui il comune di Capannori, assieme ad Alerr Foundation, è partner insieme ad alcune importanti città italiane come Venezia e Bologna. I cittadini che partecipano a questo importante progetto finalizzato al risparmio energetico e all’utilizzo delle energie alternative suddivisi in 5 […]

Sono 110 le famiglie capannoresi che hanno aderito al progetto europeo ‘Echo Action’ di cui il comune di Capannori, assieme ad Alerr Foundation, è partner insieme ad alcune importanti città italiane come Venezia e Bologna.
I cittadini che partecipano a questo importante progetto finalizzato al risparmio energetico e all’utilizzo delle energie alternative suddivisi in 5 gruppi si sono già riuniti alcune volte alla presenza di esperti per parlare delle azioni da intraprendere per raggiungere un buon risparmio energetico e sulle tecniche di isolamento delle proprie abitazioni per non disperdere il calore, oltre che sugli impianti termici e la mobilità sostenibile.
Gli incontri, dopo la pausa natalizia, riprenderanno il prossimo 9 gennaio e si svolgeranno alla presenza di tecnici installatori di caldaie, impianti solari e impianti fotovoltaici e dell’assessore all’ambiente, Alessio Ciacci.
Il progetto, che si concluderà nell’aprile del 2009, è ancora aperto alla partecipazione delle famiglie del territorio che possono rivolgersi allo sportello ‘Eco & Equo’ situato nell’atrio della sede comunale di Piazza Aldo Moro, ogni sabato mattina dalle ore 10.00 alle ore 12.00 oppure contattare telefonicamente la coordinatrice del progetto, Federica Biagini, al numero 349 0922580 .
“E’ il primo progetto in Toscana su queste tematiche che è riuscito a coinvolgere un numero così alto di famiglie – spiega l’assessore all’ambiente, Alessio Ciacci – e di questo siamo molto soddisfatti. Auspichiamo che altri cittadini vogliano parteciparvi per allargare questa esperienza che si sta dimostrando molto positiva. L’obiettivo, infatti, è quello di sensibilizzare e coinvolgere le famiglie del territorio, organizzate in gruppi di lavoro, in un processo attivo inteso a cambiare lo stile di vita in materia di energia e di consumi, orientandoli verso un sistema più sostenibile, che sia attento alle problematiche ambientali ma anche ai risparmi delle famiglie”.
Il progetto culminerà in una pubblicazione finale che riporterà le tappe salienti e i risultati del progetto stesso e con una serie di assemblee di verifica.
Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.echoaction.net.