• Articolo , 13 maggio 2011
  • Con “Recycle for London” il sindaco invita i cittadini al riciclo

  • I londinesi gettano spesso nei cassonetti dedicati ai rifiuti “indifferenziati” materiali che potrebbero essere destinati a nuova vita, causando alla città un aumento dei costi di gestione del processo di raccolta e smaltimento

(Rinnovabili.it) – I londinesi sono stati richiamati all’appello e esortati a raddoppiare il tasso di riciclo dei rifiuti domestici. Dai calcoli si è stimato che attraverso un comportamento più attento dei cittadini si potrebbe arrivare a raggiungere un risparmio che, entro il 2015, potrebbe toccare i 320 milioni di sterline.
Durante l’annuncio il sindaco della capitale del Regno Unito, Boris Johnson, ha inoltre informato che i 33 quartieri della città pagano attualmente il 25% in più per lo smaltimento dei rifiuti raccolti nei _black bin_, ovvero i cassonetti per l’indifferenziata, in cui l’80% di materiali che vi vengono gettati quotidianamente potrebbero altresì essere riciclati ma che, mal gestiti, rappresentano un costo per la popolazione.
Per ovviare al problema sarà quindi lanciata la campagna *“Recycle for London”* che presenterà ai londinesi tutti i benefici di un corretto smaltimento dei rifiuti, dal vantaggio economico fino ai tornaconto ambientali.
“Questa nuova fantastica campagna diffonde un messaggio semplice ma forte, ossia che ogni oggetto gettato nel cestino può essere riciclato, facendo risparmiare alla città un bel po’ di soldi” ha dichiarato il sindaco Johnson.