• Articolo , 4 marzo 2009
  • Consiglio comunale, no al nuovo impianto eolico a largo di Licata e Gela

  • Ieri si è svolta la seduta del consiglio comunale di Licata, che ha deliberato all’unanimità per il “no” all’impianto eolico off-shore nel tratto di mare tra Licata e Gela. Come previsto nessuna variazione riguardo il dissenso alla proposta del progetto della Moncada costruzioni. La seduta è proseguita mettendo in risalto la grave crisi socio-economica in […]

Ieri si è svolta la seduta del consiglio comunale di Licata, che ha deliberato all’unanimità per il “no” all’impianto eolico off-shore nel tratto di mare tra Licata e Gela. Come previsto nessuna variazione riguardo il dissenso alla proposta del progetto della Moncada costruzioni. La seduta è proseguita mettendo in risalto la grave crisi socio-economica in cui verte la cittadina, che coinvolge ormai da tempo parte della popolazione. L’obiettivo è quello di formare un fronte unico ed agire con tempestività ed efficacia.
Nella stessa seduta, al centro del dibattito, è stato anche il recente atto intimidatorio subito dal sindaco Angelo Graci e dal suo vice, Salvatore Ministeri. È stata espressa solidarietà dai membri del consiglio, al fine di supportare il proseguimento del mandato del sindaco. Dei fatti avvenuti sono state informate le autorità competenti, il caso sarà quindi oggetto di ulteriori indagini.
di Claudia Giocondo