• Articolo , 7 luglio 2009
  • Consiglio Ue: adottatto programma economico per settore energetico

  • Nel regolamento è possibile consultare l’elenco dei 47 progetti che usufruiranno della somma di 4 milioni di euro. Serviranno ad aiutare la ripresa economica e a salvaguardare l’ambiente

(Rinnovabili.it) – Oggi il Consiglio europeo ha adottato un regolamento che istituisce un programma di aiuti economici finalizzati al recupero, con la concessione di contributi finanziari comunitari destinati a progetti nel settore dell’energia. Gli emendamenti (3659/09, 11318/09 ADD1 REV1) sono stati approvati da tutti i Parlamentari europei in prima lettura.
Il regolamento fa parte del piano di recupero economico europeo approvato dal Consiglio europeo nel dicembre 2008 (17271/08), in risposta alla crisi finanziaria mondiale e al rallentamento economico. Tale piano prevede un quadro di riferimento per le misure adottate da ciascun Stato membro, per far fronte alla propria situazione specifica, e individua una serie di azioni da effettuare a livello comunitario.
Il regolamento è stato progettato per aiutare la ripresa economica all’interno dell’Unione europea, al fine di affrontare le esigenze di sicurezza energetica e ridurre le emissioni di gas serra, aumentando la spesa in determinati settori strategici rendendoli meno impattanti a livello ambientale e più efficienti a livello energetico.
Il regolamento elenca 47 progetti e specifica il contributo comunitario per ciascuno di essi, con una dotazione finanziaria complessiva per il 2009 e il 2010 di quasi 4 milioni di euro suddivisi come segue:
* 18 progetti di infrastrutture per il gas: per un totale di 1.440 milioni di euro;
* 9 progetti di infrastrutture di energia elettrica: 910 milioni di euro;
* 2 progetti denominati “small island project” per l’isola di Cipro e Malta: 15 milioni di euro;
* 5 progetti di energia eolica off-shore: 565 milioni di euro;
* 13 progetti di cattura e stoccaggio del carbonio: 1.050 milioni di euro.
Per ciascuno di questi progetti, le proposte specifiche saranno presentate al comitato di gestione che controllerà che soddisfino i criteri di selezione fissati nel regolamento. Data la necessità urgente di stimoli, tutti i necessari controlli per la concessione dei finanziamenti saranno effettuati entro il 31 dicembre 2010.
Il regolamento entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea.