• Articolo , 21 luglio 2010
  • Continua la corsa di Google alle eco-energie

  • Concluso il primo contratto di acquisto da parte del braccio energetico del colosso di Mountain View. 114 MW eolici saranno forniti da NextEra Energy con la possibilità di rivendere sul mercato l’energia prodotta

(Rinnovabili.it) – Il colosso dei motori di ricerca ha segnato un altro punto a favore delle fonti rinnovabili. Tramite la sua divisione Google Energy, Big G ha, infatti, reso noto l’accordo d’acquisto stipulato con la statunitense NextEra Energy e finalizzato alla fornitura d’energia pulita proveniente da impianti eolici; a beneficiare dei 114 MW previsti dal contratto non sembrerebbero però essere strutture o data center della corporation telematica, troppo lontane di fatto dalla sede degli impianti di NextEra Energy. Il contratto contempla invece la possibilità che Google, a partire dal 30 luglio di quest’anno e per i prossimi vent’anni, acquisisca ad un prezzo predeterminato l’energia prodotta per rivenderla sul mercato.
“Quando abbiamo deciso nel 2007 di diventare volontariamente carbon neutral, – si legge nel blog societario – il nostro intento era quello di assumere la responsabilità delle nostre emissioni soluzioni ambientalmente sostenibili. Ci stiamo avvicinando a questo obiettivo in tre modi: in primo luogo riducendo il nostro consumo energetico tramite alcuni dei data center più efficienti al mondo; cercando di alimentare i nostri impianti con energie rinnovabili, come abbiamo fatto a Mountain View con una delle più grandi istallazioni solari a livello di azienda. Infine stiamo acquistando crediti di carbonio per le emissioni che non possiamo eliminare direttamente”. In questo caso il _Green Power Purchase Agreement_ aggiunge una quarta opzione al portafoglio di Google: “stiamo comprando energia rinnovabile direttamente dalla fonte – il parco eolico. Non possiamo utilizzarla direttamente, quindi la rivenderemo torna alla rete regionale tramite il ritiro dei certificati REC associati”.