• Articolo , 4 maggio 2009
  • Contratto ‘verde’ fra l’Università di Catania e Cofatech

  • Siglato il contratto ‘verde’ fra Cofatech e l’Università di Catania per la gestione dei servizi energetici dello stesso ateneo. Efficienze energetica e utilizzo di fonti rinnovabili alla base dell’accordo.

(Rinnovabili.it) – L’Università di Catania affida a Cofatech, filiale Servizi Energia del gruppo francese GDF SUEZ la gestione dei propri servizi energetici, inserendosi così fra le istituzioni pubbliche che fanno dell’efficienza energetica e della salvaguardia dell’ecosistema la propria mission. Il contratto, sottoscritto in Associazione Temporanea di Impresa, prevede servizi di fornitura di energia elettrica, ottimizzazione energetica e manutenzione impiantistica, nell’arco di tempo di vent’anni, relativamente all’intero complesso universitario costituito da 78 edifici per un valore totale di 48 milioni di euro. Peculiarità dell’accordo è la predisposizione di un sistema di telecontrollo per lo spegnimento intelligente del sistema di illuminazione e di tutte le altre utenze energetiche come impianti di condizionamento e Personal Computer. Molta accortezza anche dal punto di vista illuminotecnico in quanto verranno effettuati interventi anche per efficientare l’impianto di illuminazione mediante l’installazione di lampadine ad alta efficienza energetica. In previsione anche la realizzazione di dieci impianti fotovoltaici per una superficie totale di 47.000 metri quadri e una produzione di 2.523 KWp, l’equivalente di 2.970 tonnellate all’anno di CO2 risparmiate dall’essere immesse in atmosfera e di un risparmio energetico di oltre 5 milioni e 600 mila KWh all’anno, ovvero l’equivalente di 600.000 Tep all’anno.
Grazie a questo importante accordo l’Università catanese avrà modo di migliorare il proprio bilancio energetico e ambientale e lo avvicina sempre più all’obiettivo interno dell’ateneo catanese di realizzare un sistema integrato di servizi energetici, che come sottolinea il Prof. Antonio Recca, Rettore dell’Università di Catania, permetterà la razionalizzazione del consumo energetico e il miglioramento dell’efficienza energetica dal punto di vista impiantistico anche grazie alla produzione di energia e quindi al soddisfacimento del proprio fabbisogno energetico attraverso lo sfruttamento delle fonti di energia alternativa.