• Articolo , 4 giugno 2009
  • Contro le emissioni di CO2 degli aerei

  • Un gruppo di governi sviluppa un piano di azione per combattere le emissioni il quale si propone di raggiungere una riduzione di CO2 del 2% annuo

(Rinnovabili.it) – Il Giacc (Gruppo Aeronautico Internazionale per i Cambiamenti Climatici) si muoverà per ottenere un risparmio totale del 2% l’anno di carburante, per ogni flotta di aeromobili che siano in attività oggi nell’aviazione commerciale. Se così fosse, tra il 2010 e il 2012 si potrebbe raggiungere un taglio della CO2 pari al 13%, che arriverebbe poi al 26% tra il 2013 e il 2020 per toccare quindi quasi un 60% tra il 2021 e il 2050, se si prendono come base le informazioni sulle emissioni del 2005.
Si tratta di un piano severo proposto da alcuni rappresentanti di governi, con il suggerimento dell’Icao (Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile), che si rivolge con particolare attenzione all’efficienza nei consumi di carburante. E per garantire una concreta attuazione di un piano generale, il Giacc si appella all’Icao affinché svolga un reale ruolo di coordinamento, in linea con il protocollo di Kyoto, nella sezione dedicata al trasporto aereo.
“Questo piano riflette il forte impegno di molti Paesi a cooperare su azioni e misure specifiche al fine di contrastare efficacemente i cambiamenti climatici – ha dichiarato il presidente del consiglio Icao, Roberto Kobeh González, – sono certo che le raccomandazioni del Giacc, una volta attuate, costituiranno l’impalcatura che permetterà a Icao di attuare più facilmente qualsiasi futuro accordo sovranazionale sull’ambiente”.