• Articolo , 17 aprile 2010
  • Convegno energie rinnovabili a Niscemi

  • Si è svolto Sabato 17 Aprile 2010 a Niscemi (CL) un incontro sulle energie rinnovabili e il riciclo organizzato dal Festival energie alter-native, il primo e unico festival in Italia dedicato alle energie rinnovabili. Giunto alla sua quarta edizione, il Festival partirà il prossimo 19 Maggio a San Vito Lo Capo (TP) per proseguire a […]

Si è svolto Sabato 17 Aprile 2010 a Niscemi (CL) un incontro sulle energie rinnovabili e il riciclo organizzato dal Festival energie alter-native, il primo e unico festival in Italia dedicato alle energie rinnovabili. Giunto alla sua quarta edizione, il Festival partirà il prossimo 19 Maggio a San Vito Lo Capo (TP) per proseguire a Palermo dal 4 al 5 Luglio, Napoli (fine Luglio), Catania (1-3 Ottobre) e Torino (14-16 Ottobre). Il Festival energie alter-native dovrebbe anche fare tappa a Niscemi a fine Settembre. Il Festival si sostiene con soli fondi privati fin dalla sua nascita ed è una grande carovana delle rinnovabili che porta in giro per l’Italia spettacoli prodotti ad hoc per promuovere la cultura e le applicazioni pratiche delle energie pulite.
Nel corso dell’incontro svoltosi a Niscemi in occasione de “I Giorni delle Rinnovabili” di ISES Italia, da sempre patrocinante del Festival, è stato unanime il coro degli addetti ai lavori. “La Sicilia ha perso anche il treno delle energie rinnovabili, ha dichiarato l’Ing. Gaetano Marco D’Angelo, manager delle Energie Naturali S.r.l. Per colpa delle lentezze burocratiche ho dovuto licenziare persone in Sicilia e a assumerle in Puglia dove l’iter autorizzativo per gli impianti di energie rinnovabili è più snello, il capitale degli investitore beneficierà la Puglia e non la mia Sicilia”. Sullo stesso tono Marco Anfuso, amministratore di RE.GR.AN. Energie Rinnovabili, una delle prime aziende in Sicilia ad installare fotovoltaico: “Il legislatore non conosce la materia delle energie rinnovabili e spesso mette paletti come quello per il microeolico che non hanno nessuna rispondenza con le tecnologie attuali. Il limite di 15 metri per l’altezza massima di una turbina microeolica impedisce di fatto l’applicazione di questa soluzione e più volte abbiamo fatto presente al legislatore l’incongruenza ma è come parlare con un muro di gomma. Per non parlare delle 30 e passa autorizzazioni necessarie per un impianto fotovoltaico…”

Dario Ferrante, direttore del Festival energie alter-native, ha poi aggiunto: “Facciamo di tutto (danza, musica, teatro sui temi delle rinnovabili) per convincere la gente ad installare i pannelli che oggi sono un ottimo investimento per le famiglie e le piccole e media aziende. Ma c’è una chiara volontà di disinformare la gente sulle reali potenzialità delle energie pulite”.
Una nota positiva è stata la presenza della dott.ssa Silvia Coscienza, presidente di Liberambiente, che ha aperto proprio a Niscemi il primo EcoPunto in Italia, dove è possibile barattare i rifiuti con un sistema a punti per fare la spesa di ogni giorno. Hanno anche partecipato all’incontro Tommaso Castronovo, di Legambiente Sicilia, che ha illustrato il progetto del Gruppo di Acquisto Solare lanciato da Legambiente -sede di Caltanissetta, e le autorità di Niscemi tra cui i Consiglieri Gianfranco Di Pietro e Salvo Lupo e gli Assessori Avila, Amato e Rizzo, vicesindaco di Niscemi.

L’appuntamento è per fine Settembre quando il Festival energie alter-native farà tappa a Niscemi con la spettacolo Tech No Trash, danza e musica che nascono dal riciclo di plastica e vetro. Un musicista suona l’immondizia (plastica, vetro e oggetti riutilizzati) per creare il paesaggio sonoro per la danza contemporanea!