• Articolo , 3 gennaio 2008
  • Coop: meno CO2 col fotovoltaico nei supermercati

  • La Coop Adriatica investirà 14 milioni in energia “verde” per potare il solare fotovoltaico in 22 negozi della rete, ridurre i consumi e di conseguenza le emissioni di anidride carbonica

Già nel 2001 Coop era stata la prima nella Grande Distribuzione, ad aderire al Programma Europeo Green Light sul risparmio energetico nell’illuminazione, ottenendo anche il riconoscimento del Green Light Partner Awards 2006 per il primo Ipercoop in Italia a “zero emissioni”, alimentato interamente da energia verde. Ora la cooperativa ha dato il via a un piano triennale per la sostenibilità ambientale ed il risparmio energetico che mira a potare l’energia solare fotovoltaica in 22 supermercati e Ipercoop in Emilia Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo. L’obiettivo è di ridurre di 60 mila tonnellate le emissioni di anidride carbonica ed arrivare nell’arco di tre anni a produrre in proprio circa 6,8 milioni di chilowattora, traducibili in un abbattimento di quasi 3.500 tonnellate di CO2. I lavori per l’installazione degli impianti sono già partiti in tre supermercati dell’area di Bologna: a Calderara, Cento e Pianoro e i pannelli entreranno in funzione da marzo, con una potenza complessiva di 180 Kw. Per la fine del 2008 i punti vendita di Coop Adriatica alimentati da pannelli fotovoltaici in Emilia Romagna saranno quattordici. Il piano energetico prevede inoltre, entro il 2010, di estendere il numero di punti vendita alimentati esclusivamente da fonti rinnovabili, acquistando parte dell’energia necessaria al suo fabbisogno da Idroenergia, la società di Aosta specializzata nel produrre da fonti rinnovabili. Infine, sono già partiti interventi nell’ambito del contenimento dei consumi energetici, tramite l’installazione in tutti i punti vendita banchi frigo “ecologici”, che consentono di abbattere del 22% i consumi del banco stesso. (fonte La Stampa)