• Articolo , 28 ottobre 2010
  • COP16, Tuxtla mette a punto la strategia da portare in Conferenza

  • Cancun è alle porte e si chiudono le discussioni sulle politiche che verranno portate in Conferenza con lo scopo di contrastrare le conseguenze negative del cambiamento climatico

(Rinnovabili.it) –Manca ormai poco alla 16esima Conferenza delle Parti (“COP16”:http://www.cc2010.mx/es/) sul Cambiamento Climatico e continuano le riunioni preliminari in cui i leader politici stanno mettendo a punto i documenti da portare in Messico. Martedì è stata la volta dei paesi membri del Meccanismo di Dialogo e Concertazione di Tuxtla (Honduras, Colombia, Messico, Guatemala, Costa Rica, Nicaragua e Repubblica Dominicana) che si sono riuniti per discutere circa le decisioni definitive da portare a Cancun, conferenza durante la quale si discuterà delle politiche da adottare sia a livello locale che globale per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Lo ha rivelato il presidente colombiano Juan Manuel Santos al termine della XII Conferenza di Tuxtla tenutasi a Cartagena de Indias. “Ora dobbiamo confrontarci con la continua sofferenza del mondo”, ha sottolineato Santos ribadendo come questa sia la condizione di tutte le nazioni colpite duramente dalla crisi economica. Ricordando che la Comunità Internazionale ha l’obbligo di prendere decisioni audaci per arrestare i danni che minacciano costantemente l’equilibrio del pianeta ha annunciato al contempo la partecipazione del suo paese alla COP16 dove si cercherà di trasformare le proposte a protezione del Clima in azioni concrete. L’occasione è servita anche per informare circa la partecipazione del Presidente messicano Felipe Calderon alla Conferenza di Cancun, dove presiederà ad una importante riunione durante la quale potrebbero essere prese decisioni di valenza mondiale.