• Articolo , 25 gennaio 2010
  • Corea del Sud, investimenti miliardari per la smart grid

  • Il governo mette a punto un piano definitivo per stabilire un sistema nazionale di “reti intelligenti” come parte del suo sforzo per ridurre le importazioni di energia e utilizzare meglio le risorse eco-friendly

(Rinnovabili.it) – Oltre ventisettemila milioni di won, ossia circa 24 miliardi dollari, saranno riversati dalla Corea del Sud nello sviluppo di un sistema nazionale di smart grid che renda più efficiente la distribuzione elettrica permettendo al paese di risparmiare e soldi ed emissioni.
Il Ministero dell’Economia ha fatto sapere che il piano dovrebbe partire dalle grandi città a cui sono sempre più richieste infrastrutture a basso tenore di carbonio, ed accanto alla realizzazione di reti intelligenti implementerà l’uso delle energie rinnovabili, potenziando nel contempo il sistema dei trasporti. Il tutto nell’arco di due decenni.
Gran parte della cifra verrà fornita dal settore privato e da società di pubblica utilità, mentre il Governo coprirà i primi 2 mila miliardi di won per dare avvio alla fase di ricerca e sviluppo. Come banco di prova del progetto, sono in previsione già 200 stazioni di ricarica plug-in per auto elettriche nel 2011 che aumenteranno il loro numero a 27.000 entro il 2030.
La Corea del Sud è tra i più grandi importatori di petrolio, ma “se il piano andrà avanti senza intoppi, il paese potrà essere in grado di risparmiare entro il 2030fino a 47 mila miliardi sulle importazioni di energia, il che equivale a 440 milioni di barili di petrolio greggio”, ha dichiarato un funzionario del ministero. Inoltre consentirà al paese di ridurre le emissioni di gas a effetto serra di 150 milioni di tonnellate, ‘effetto collaterale’ non indifferente. Il governo presenterà una legge speciale all’Assemblea nazionale di quest’anno contenente le disposizioni che consentiranno di realizzare la nuova infrastruttura.