• Articolo , 20 marzo 2009
  • Cosenza: Giovani Confindustria, Energia aiuta lo sviluppo

  • Si e’ discusso di ”Energia per lo sviluppo. Scenari, fonti, ambiente” al convegno, organizzato dalla Piccola Industria Confindustria nella sede degli Industriali di Cosenza. Oltre al tema oggetto del convegno ha approfondito gli aspetti legati alla crisi economica attuale, soffermandosi sugli incontri avuti, nei giorni scorsi, assieme alla Presidente degli Industriali Emma Marcegaglia, a Palazzo […]

Si e’ discusso di ”Energia per lo sviluppo. Scenari, fonti, ambiente” al convegno, organizzato dalla Piccola Industria Confindustria nella sede degli Industriali di Cosenza. Oltre al tema oggetto del convegno ha approfondito gli aspetti legati alla crisi economica attuale, soffermandosi sugli incontri avuti, nei giorni scorsi, assieme alla Presidente degli Industriali Emma Marcegaglia, a Palazzo Chigi, con il Presidente del Consiglio ed alcuni Ministri.
”Tra i costi importanti che un’impresa sostiene – ha dichiarato il Presidente della Piccola Industria, Giuseppe Morandini- la voce energia, soprattutto per il manifatturiero, ha un ruolo chiave. Riuscire a fare economia in tal senso non e’ poco. Si puo’ intervenire pensando alla diversificazione delle fonti di approvvigionamento, con un obiettivo di lungo termine che e’ senz’altro il nucleare, con uno di medio termine che riguarda la rivalutazione del carbone ed uno di brevissimo che interessa la costruzione dei rigassificatori che, consentendoci approvvigionamenti alternativi per la fornitura di metano, darebbero anche competitivita’ alla scelta fatta qualche anno fa di questo combustibile per la produzione di energia elettrica”. ”Oggi – ha continuato il Presidente Morandini- in Italia accendere un interruttore equivale ad aprire un rubinetto di metano: il 60% dell’energia consumata trae infatti origine proprio da li’. E’ evidente che non possiamo restare legati ai due tubi che portano metano in Italia o a paesi fornitori che non sono il massimo della stabilita’ politica”.
Partendo da un’analisi dello scenario energetico, il convegno ha tracciato un possibile sviluppo del sistema energia in Italia, soprattutto in riferimento alla innovazione tecnologica, al protocollo di Kyoto, agli obiettivi europei per il 2020, all’uso delle fonti rinnovabili, alle soluzioni per il risparmio e l’efficienza energetica negli utilizzi finali, all’evoluzione nei processi di liberalizzazione. I lavori, moderati dal Vice Presidente della Piccola Industria Confindustria di Cosenza, Fausto Aquino, hanno registrato numerosi interventi. Le conclusioni sono state tratte dal Presidente di Confindustria Calabria Umberto De Rose.