• Articolo , 28 gennaio 2009
  • Costiera amalfitana, un patto dei sindaci con la comunità europea

  • La Costiera amalfitana sarà a Bruxelles per suggellare il Patto dei Sindaci con la Comunità Europea. I sindaci di Atrani, Maiori, Minori e Scala, che per prima hanno aderito per primi al “Patto dei sindaci”, ma a giorni aderiranno anche Amalfi, Positano e Ravello, andranno a Bruxelles per il 10 febbraio nell´ambito di EUSEW 2009 […]

La Costiera amalfitana sarà a Bruxelles per suggellare il Patto dei Sindaci con la Comunità Europea. I sindaci di Atrani, Maiori, Minori e Scala, che per prima hanno aderito per primi al “Patto dei sindaci”, ma a giorni aderiranno anche Amalfi, Positano e Ravello, andranno a Bruxelles per il 10 febbraio nell´ambito di EUSEW 2009 E in Italia sono appena 28 i comuni che hanno ricevuto questo importante invito. Ad accoglierli nell´emiciclo della Commissione europea, sarà il presidente della Commissione José-Manuel Barroso, il Commissario Europeo per l´Energia, Andris Piebalgs, ed altri rappresentanti delle istituzioni europee. Il Patto dei sindaci coinvolge le città europee in modo da migliorare in maniera significativa l´efficienza energetica e l´utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili negli ambienti urbani, dove le politiche e le misure inerenti alcuni settori chiave, come i trasporti e l´edilizia, risultano più importanti. E così le città che si impegneranno in questo progetto dovranno adottare uno specifico Piano di Azione finalizzato a sostenere gli obiettivi fissati dall´Unione Europea. Primo fra tutti è la riduzione di almeno il 20% delle emissioni di CO2 attraverso una maggiore efficienza energetica, un maggior ricorso alle fonti di energia rinnovabile e ad appropriate azioni di promozione e comunicazione. Luigi Mansi, sindaco di Scala“Le città hanno la capacità di intraprendere grandi iniziative mettendo in sinergia i diversi attori del panorama energetico, come dimostrato dalla radicale trasformazione di alcune città, come Londra e Barcellona, in occasione di grandi eventi internazionali ospitati”, ha affermato Fabrizio Barbaso, vice-direttore DG TREN. “Le città – afferma Corrado Clini, direttore generale del Ministero dell´Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – sono il primo punto di contatto tra i cittadini e l´amministrazione pubblica. Il loro ruolo nelle attività di comunicazione ed informazione è cruciale e spesso più efficace delle iniziative a livello europeo, nazionale o regionale”. “Il Ministero dell´Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, focal point per l´attuazione della campagna Energia Sostenibile per l´Europa (SEE) in Italia” – aggiunge Clini – sta coordinando le azioni a livello nazionale al fine di sostenere e coinvolgere sempre più città nell´iniziativa”. In tutto sono 28 le città italiane che hanno ricevuto espresso invito da parte della Commissione Europea a partecipare alla cerimonia del 10 Febbraio 2009 a Bruxelles. Quindi per la Costiera amalfitana è un ottimo risultato, che sicuramente verrà incrementato nelle prossime settimane con l´adesione di altri comuni, grazie anche alla presenza sul territorio di Comunicazione e Territori, società di comunicazione e progettazione, partner ufficiale della campagna Eusew 2009. Intanto l´elemento fondamentale per l´invito era l´aver già approvato una delibera del Consiglio Comunale che impegna la città al raggiungimento degli obiettivi contenuti nel Patto dei Sindaci. “L´anno 2008 – conclude Clini – è stato eccezionale per la partenza del Patto dei Sindaci nel nostro Paese: 28 città, dal nord al sud dell´Italia hanno già preso un impegno ufficiale per rispettare gli obiettivi del Patto e il 2009 sarà l´anno nel quale i primi Piani di Azione vedranno la luce inserendo le città tra gli attori principali per la riduzione delle emissioni di gas serra”. La cerimonia Patto dei Sindaci Luogo ed orario: 13:00-17:30 – 10 Febbraio 2009, Emiciclo, Parlamento Europeo.