• Articolo , 19 maggio 2010
  • CTI: standardizzare il calcolo della sostenibilità per le biomasse

  • Nasce il gruppo di lavoro Criteri di sostenibilità della biomassa solida per applicazioni energetiche del Comitato Termotecnico Italiano, presieduto dal referente interno CTI Antonio Panvini e coadiuvato da Daniele Duca

(Rinnovabili.it) – E’ partito ufficialmente il gruppo di lavoro creato dal Comitato Termotecnico italiano(CTI). Il compito prefissatosi è quello di definire gli indici di sostenibilità dell’uso delle biomasse solide a fini energetici, uno strumento fondamentale per garantire l’ottenimento dei massimi benefici dal settore. Sostenibilità calcolata in termini di emissioni di CO2 evitate all’atmosfera e per cui, come indica la Direttiva Europa, deve essere creato un sistema di determinazione uniforme per valutare il risparmio ottenuto. Il meccanismo ad oggi ancora manca e il settore va inevitabilmente a fare i conti con una disparità a livello territoriale sia in termini di diverse normative regionali che di criteri di valutazione sulla CO2 evitata.
Per superare questo ostacolo i lavori si orienteranno al fine di proporre determinate specifiche di sostenibilità ambientale entro la fine dell’anno.
Il Gruppo risponderà, dunque, all’esigenza di ottenere delle tabelle analoghe condivise da tutti che si riferiscano a filiere di interesse nazionale, ossia a biomasse utilizzabili commercialmente in Italia. Su basi consensuali sarà redatta una specifica tecnica che rappresenti, in maniera semplice e chiara, un punto di riferimento per le Amministrazioni o i privati che si muovono nel comparto.