• Articolo , 8 settembre 2010
  • Da Bruxelles 45 mln per progetti marittimi sostenibili ed innovativi

  • L’Europa destina 45 milioni di euro a progetti che saranno di sicuro stimolo l’economia di mari e oceani. Legate alle attività marittime le nuove proposte dovranno essere innovative e al tempo stesso proteggere ecosistemi e risorse

(Rinnovabili.it) – La Commissione Europea ha in programma per la giornata di domani la presentazione di “The ocean of tomorrow 2011”:http://ec.europa.eu/research/agriculture/ocean/ocean2010/index_en.html. e con l’occasione verrà annunciato lo stanziamento di 45 milioni di euro destinati a progetti di ricerca sulle attività marittime che dovranno rientrare in diverse categorie (cibo, agricoltura, pesca e biotecnologie, energia, ambiente e trasporti). L’intento è quello di invitare gli interessati, provenienti dai diversi paesi dell’Europa, a presentare idee innovative, lungimiranti e sostenibili per sfruttare il potenziale dei nostri mari e degli oceani.
I Commissari Geoghegan-Quinn e Damanaki a tal proposito hanno dichiarato: “Gli oceani coprono il 70% della superficie della Terra. Essi sono la chiave del nostro ecosistema. Ma sono anche la chiave per la nostra economia attuale e futura e abbiamo bisogno di _Smart Seas_ per aiutarci a raccogliere la sfida della creazione di posti di lavoro sostenibili nel XXI secolo. Selezionando le migliori idee da questa proposta l’Europa verrà stimolata a progredire in settori come l’energia offshore e nelle _blue biotechnologies._ Gli oceani, infatti, sono una fonte inesauribile di opportunità nell’ambito dello sviluppo economico sostenibile, soprattutto in riferimento alle attività umane che impattano sull’ecosistema marino come il trasporto, gli impianti eolici off-shore, lo sviluppo costiero e l’eccessivo sfruttamento delle risorse.
L’iniziativa, la seconda nel suo genere all’interno del Settimo Programma quadro, dà un’ulteriore spinta innovativa agli interventi dell’Unione in favore dello sviluppo di soluzioni sostenibili; ecco perché al bando sono stati aggiunti suggerimenti che propongono la progettazione di una piccola nave laboratorio adatta alle profondità minime o l’ideazione di piattaforme off-shore multiuso.
In parte concentrato sul Mediterraneo e sul Mar Nero, l’invito a presentare proposte favorirà una più stretta cooperazione con i paesi vicini con la speranza fornisca una base scientifica per nuove misure di gestione sostenibile e di miglioramento della governance in questi mari regionali che devono affrontate le ardue sfide legate alla sostenibilità.