• Articolo , 11 maggio 2010
  • Dal DOE 62 mln per lo sviluppo del solare termodinamico

  • Sviluppare progetti e componentistica legata al settore del solare termodinamico. Il DOE finanzia 13 progetti distribuendo ai progetti più promettenti 62 mln di dollari nella speranza di ottenere presto un’alternativa energetica a basso impatto ambientale e a costi ridotti

(Rinnovabili.it) – Il Department of Energy americano ha deciso di stanziare 62 milioni di dollari per finanziare 13 progetti basati sullo sviluppo del solare termodinamico, con la speranza di rendere più competitiva sul mercato l’elettricità generata sfruttando il potenziale solare.
Il DOE provvederà a finanziare i progetti per un periodo di 5 anni stimolando il perfezionamento di tecnologie che potrebbero arrivare a produrre elettricità anche per 18 ore consecutive riducendo notevolmente le emissioni dannose prodotte dalle centrali a carbone tutt’ora in attività.
I prototipi realizzati saranno poi testati, ma dovranno avere, come requisito per rientrare nella categoria ‘impianti solari termodinamici’, la potenza minima di base necessaria per il collegamento alla rete elettrica nazionale.
I progetti che verranno sviluppati come appartenenti all’area ‘componenti’ dovranno invece realizzare materiali innovativi ed efficienti, tra cui riflettori di luce e soluzioni liquide utilizzate negli impianti a concentrazione per ottimizzarne la resa. Tra le aziende sono state per ora selezionate Abengoa Solar, Inc., ESolar, Inc. e Pratt & Whitney Rocketdyne che riceveranno ognuna la somma di dieci milioni di dollari.
Nel particolare Abengoa punta alla costruzione di una torre solare in grado di catturare i raggi solari grazie ad un ‘ricevitore’ posto sulla cima della struttura. Una serie di specchi posizionati intorno alla struttura avranno il compito di riflettere la luce concentrandola verso la torre.
Il progetto della eSolar consisterà invece in una serie di torri. Il sistema sarà anche dotato di una centrale per lo stoccaggio del calore in grado di memorizzare l’energia in eccesso trattenendola all’interno di un serbatoio termico.