• Articolo , 20 aprile 2009
  • Dal G8 Ambiente solo un questionario sulle varie posizioni

  • Niente decisioni unitarie, nessun documento comune, ma solo una serie di questionari dove i ministri dei diversi paesi risponderanno a dieci domande sulla loro idea di contrastare il cambiamento climatico

(Rinnovabili.it) – Secondo le indicazioni dalla presidenza italiana, dalla prossima sessione del G8 sull’ambiente, durante il meeting di Siracusa, non dovrà risultare nessun documento che esprima una posizione finale unita ed unica. Risulterà solo una specie di panoramica delle posizioni assunte dai ministri dei diversi stati partecipanti, che comunque dovranno affrontare il rischio che la crisi economica sottragga attenzione e fondi alla lotta al cambiamento climatico.
Nel documento verranno rivolte ai ministri partecipanti una decina di domande – così si legge in un dispaccio della Reuters – che riguarderanno in gran parte le opzioni normative per la lotta al cambiamento climatico dopo il 2012.
Come d’altronde conferma testualmente una nota della presidenza: “Al fine di poter dare la possibilità di discutere apertamente le diverse posizioni non si prevede di produrre un documento finale negoziale, ma piuttosto un Chair Summary che rappresenti sia le diverse posizioni che le nuove idee e proposte che potrebbero emergere dalla discussione”.